6 Nazioni - "Diario di bordo", gli inni di Italia-Inghilterra. Gatland annuncia già la formazione gallese

Archiviato il secondo turno, con una settimana di riposo, il carrozzone del 6 Nazioni non si ferma. Le varie nazionali fanno il bilancio di queste prime due settimane, analizzano pregi e difetti della loro squadra e rimettono in sesto i giocatori usciti acciaccati da questo weekend di rugby. I giochi non sono ancora chiusi, ora vedremo cosa s'inventeranno i delusi per risollevarsi e come faranno Francia e Galles a mantenere la loro leadership.

Aggiornato alle ore 17.25 

12.00 Scozia Tempo di mea culpa in casa scozzese. Due sconfitte e niente gioco per gli uomini di Hadden, che si trovano anche ad affrontare il problema infortuni. Buone notizie da Jason White, che sta recuperando dall'infortunio subito sabato e dovrebbe riprendersi per il prossimo match. Sotto osservazione anche Nathan Hines, Jim Hamilton e Simon Webster, quest'ultimo non ancora al meglio dopo aver già saltato il match con il Galles.

12.00 Italia Nonostante la soddisfazione per un fantastico secondo tempo, Nick Mallett non ha nascosto la sua delusione per il match con l'Inghilterra "Regalare 14 punti con due errori nostri non è ammissibile. Non sono abituato a perdere, e non importa se abbiamo recuperato fino al -4, in futuro non possiamo permetterci certi sbagli". Proprio per questo, in vista del Galles, verrà dato molto spazio al lavoro in touche, fondamentale che ci è costato la prima meta con l'Inghilterra e che ha frustrato, negli ultimi minuti di gara, la nostra rimonta.

12.00 Galles Gioca d'anticipo Gatland e dichiara che annuncierà già mercoledì questo la formazione che sfiderà l'Italia sabato 23 febbraio a Cardiff. L'abitudine di aspettare la settimana dell'incontro per annunciare il XV titolare verrà rotta dal coach gallese "Voglio dare tempo ai ragazzi di prepararsi al match, ed è giusto che sappiano presto chi è della partita". 

14.15 Galles A sorpresa Gatland ha già annunciato oggi il XV che scenderà in campo sabato 23 febbraio a Cardiff contro l'Italia. Sei cambi rispetto alla partita vinta con la Scozia, con una mediana rivoluzionata. Dwayne Peel al nove e Stephen Jones apertura, come negli ultimi minuti di sabato scorso. Nuova, anche, la prima linea, con Gethin Jenkins, Rhys Thomas e il tallonatore Matthew Rees. Infine, ritrova il posto da titolare Mark Jones, che contro la Scozia era stato sostituito dall'esordiente Jamie Roberts.
15 Lee Byrne (Ospreys), 14 Mark Jones (Scarlets), 13 Tom Shanklin (Cardiff Blues), 12 Gavin Henson (Ospreys), 11 Shane Williams (Ospreys), 10 Stephen Jones (Scarlets), 9 Dwayne Peel (Scarlets), 8 Ryan Jones (Ospreys) (c), 7 Martyn Williams (Cardiff Blues), 6 Jonathan Thomas (Ospreys), 5 Ian Evans (Ospreys), 4 Ian Gough (Ospreys), 3 Rhys Thomas (Dragons), 2 Matthew Rees (Scarlets), 1 Gethin Jenkins (Cardiff Blues). In panchina: 16 Huw Bennett (Ospreys), 17 Duncan Jones (Ospreys), 18 Deiniol Jones (Cardiff Blues), 19 Gareth Delve (Gloucester), 20 Mike Phillips (Ospreys), 21 James Hook (Ospreys), 22 Sonny Parker (Ospreys).

17.25 Italia Nick Mallett ha convocato 24 giocatori per l'incontro di sabato 23 febbraio contro il Galles. Rispetto alla partita con l'Inghilterra l'unica novità è il rientro di Marco Bortolami in squadra dopo l'infortunio all'occhio. Marco prende il posto di Tommaso Reato.

  • shares
  • Mail