Mondiali 2023: Francia vs World Rugby, parole durissime

Laporte parla di criteri assurdi che hanno portato il Sud Africa in pole position, Beaumont risponde a muso duro.

President of the French Federation of Rugby (FFR) Bernard Laporte holds a press conference promoting France's candidacy for the 2023 Rugby World Cup on September 7, 2017, in Paris. / AFP PHOTO / Benjamin Cremel        (Photo credit should read BENJAMIN CREMEL/AFP/Getty Images)

"Dicono che siamo troppo severi nei test antidoping (sigh!). Sicurezza? Abbiamo totalizzato lo stesso punteggio del Sud Africa, anche se li ci sono 52 omicidi al giorno!" tuona (mica tanto a torto) Bernard Laporte, che rincara la dose. "Come è possibile dire che il Sud Africa ha un'organizzazione alberghiera migliore della nostra, come possono dire che a St.Etienne non ci sono abbastanza alberghi! Hanno ospitato gli Europei di calcio del 2016, ci sono 1500 camere a St.Etienne!".

Di cosa si parla? Del report presentato da Rugby World Cup Limited che ha posto il Sud Africa al primo posto tra i candidati a ospitare i Mondiali 2023, seguito proprio dalla Francia e poi dall'Irlanda. Un report che non è piaciuto a Bernard Laporte, che dice "abbiamo scritto al presidente Beaumont per far notare i numerosi errori commessi dalla Commissione; non credo alla malafede, penso ci sia incompetenza da parte loro".

E World Rugby? Ha risposto con un duro comunicato nel quale si dice che le dichiarazioni della FFR sono inaccurate e infondate. "World Rugby ha implementato un processo di selezione della sede trasparente, oggettivo, professionale e forte" si legge nella nota, dove si sottolinea che si farà tutto ciò presente alla FFR. Aspettando il 15 novembre, quando verrà presa la decisione definitiva.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 31 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO