Rugby & Sponsor: il Sei Nazioni perderà 4 milioni (di sterline) l'anno

Secondo le indiscrezioni della stampa britannica il torneo continentale avrà ancora RBS come sponsor. Ma a una cifra inferiore a quella richiesta.

An RBS logo is pictured outside a Royal Bank of Scotland (RBS) bank branch in central London on August 4, 2017. Britain's state-rescued Royal Bank of Scotland has picked Amsterdam as a post-Brexit EU base, it said Friday as it rebounded into second-quarter profit. The troubled bank revealed it was preparing its Brexit contingency plan by engaging with the Dutch central bank to use its existing banking licence in the Netherlands, in a move which will see RBS employ 150 staff in Amsterdam. / AFP PHOTO / Daniel LEAL-OLIVAS        (Photo credit should read DANIEL LEAL-OLIVAS/AFP/Getty Images)

E dopo un anno è di nuovo Royal Bank of Scotland. Secondo quanto scrive oggi il Times, infatti, la ricerca da parte del Board del Sei Nazioni di un nuovo title sponsor è caduta nel vuoto e, dunque, si è dovuti tornare sui propri passi. E a un costo pesantissimo. Allo scadere del contratto con RBS, infatti, la banca britannica aveva messo sul piatto un rinnovo da 15 milioni di sterline l'anno. Il Sei Nazioni, però, aveva rifiutato, convinto di poter strappare un'offerta migliore altrove.

Il Board del Sei Nazioni, infatti, si era rivolta a diversi candidati proponendo un contratto di sei anni a 100 milioni di sterline (cioè 16,6 milioni l'anno). Ma dopo 12 mesi sul tavolo non è rimasta alcuna proposta, con le aziende che hanno gentilmente declinato l'offerta. Ed ecco, dunque, che l'unica opzione rimasta è nuovamente quella della Royal Bank of Scotland. Che, però, ora ha il coltello dalla parte del manico.

Secondo quanto scrive il giornale britannico, infatti, la RBS si è seduta nuovamente al tavolo, ma questa volta con un'offerta di soli 9 milioni di sterline annui. Secondo una fonte interna questa offerta sarebbe al momento salita a 11 milioni di sterline, ma comunque 4 milioni meno di quello che inizialmente era stato proposto. Per il Board del Sei Nazioni una brutta figuraccia, con John Feehan che, evidentemente, aveva creduto di poter puntare troppo in alto.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 30 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO