Rugby Championship: agli All Blacks basta mezz'ora

Si è disputata nella notte a Buenos Aires la sfida tra i neozelandesi e l'Argentina. Ecco come è andata.

New Zealand's All Blacks wing Waisake Naholo (C) is tackled by Argentina's Los Pumas fullback Joaquin Tuculet (L) and  wing Emiliano Boffelli during Rugby Championship 2017 match at Jose Amalfitani stadium in Buenos Aires, Argentina on September 30, 2017. / AFP PHOTO / ALEJANDRO PAGNI        (Photo credit should read ALEJANDRO PAGNI/AFP/Getty Images)

Sono scesi in campo da campioni grazie al pareggio tra Sud Africa e Australia e hanno confermato la loro superiorità contro l'Argentina. Anzi, partita aperta e chiusa già nei primi 30 minuti, dove gli All Blacks danno spettacolo, dominano, imbambolano i Pumas e vanno in meta quattro volte. La sblocca Kieran Read al 7', poi tocca a Damian McKenzie al 16', mentre è l'ala Waisake Naholo al 20' ad allungare ancora, ma è lo stesso Kieran Read al 27' a chiudere il discorso e dare il bonus agli All Blacks.

E l'Argentina? Non pervenuta, tranne un piazzato di Nicholas Sanchez al 5', in risposta a quello di Beauden Barrett un minuto dopo e il giallo a Lavanini al 22'. Sul 29-3 i tuttineri alzano il piede dall'acceleratore (con Matt Todd ammonito al 38') e nella ripresa i Pumas possono respirare un po' (complice un giallo anche a Read) e trovare anche la meta al 53' con Juan Manuel Leguizamon. Al 67' quarto giallo del match, per Ramiro Herrera, e a tempo scaduto è David Kaetau Havili a fissare il punteggio finale sul 36-10.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO