Caso Venditti: il papà "Si è difeso, non è un violento"

Il padre di Gabriele, il giocatore del Calvisano arrestato per lesioni, difende il figlio e dà la sua versione.

fir.jpg

Suo figlio è agli arresti domiciliari e aspetta di conoscere il suo destino. Lui, però, non ci sta e sulle pagine del Giornale di Brescia dà la sua versione dei fatti. Parliamo del padre di Gabriele Venditti, il ventenne azzurro dell'Under 20 accusato di lesioni volontarie al termine di una rissa avvenuta ad agosto al mare. Dove ha sbagliato, ma per suo padre non per colpa sua.

"...all'uscita Gabriele e l'amico sono stati aggrediti, erano solo in due, e si sono difesi. Uno di questi tedeschi è caduto e ha sbattuto la testa, il che gli ha provocato la frattura dell'osso occipitale, dimostrazione che Gabriele si è difeso da un'aggressione non è stata la violenza di un pugno a provocargli il danno, ma la caduta stessa" dice Dario Venditti, padre del giocatore. "Non voglio sminuire la gravità dei fatti, ma non siamo in presenza di un picchiatore cattivo che chissà cosa ha fatto" ribadisce il padre di Venditti.

Purtroppo per Gabriele, però, questa è la sua parola contro quella dei testimoni, perché nello stabilimento balneare dove si sono svolti i fatti non ci sarebbero state telecamere di sorveglianza. E come sottolinea ancora il padre "Speriamo che si trovi qualche testimone a discarico, quelli finora sentiti erano tutti della parte lesa".

Vota l'articolo:
4.04 su 5.00 basato su 47 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO