6 Nazioni 2017: Under 20, l'Italia ci prova ma non basta

Si è conclusa a Capoterra la sfida tra gli azzurrini e i giovani Bleus, valevole per il quarto turno del Torneo juniores.

italia-francia-under-20.jpg

Un'Italia combattiva, che sfrutta il clima ventoso per tenere la Francia a distanza per buona parte del primo tempo, dove un piazzato di Cioffi porta gli azzurrini in vantaggio, prima che due mete nella seconda parte del tempo lanciano la Francia sul 12-3. Ma l'Italia Under 20 reagisce a inizio ripresa, impone il suo gioco e Rizzi inventa la meta che porta i padroni di casa sul -2. Arrivano, però, poi due piazzati francesi che riportano gli ospiti oltre il break, con i giovani Bleus che dominano territorialmente. Cioffi accorcia nuovamente dalla piazzola, ma insiste la Francia - seppur molto imprecisa - e finisce 18-13 per i piccoli Bleus.

La Francia ha sofferto per gran parte del match la velocità e la fisicità dei padroni di casa, bravi trovare varchi nella difesa ospite, trascinati tra l’altro da numeroso pubblico per che per tutti gli 80’ ha incitato gli “azzurri”, ma non a trovare le mete per la vittoria. Al 18’ l’Italia preme e ottiene subito il vantaggio con una punizione trasformata da Cioffi. La Francia cerca di recuperare e il gioco dei transalpini si fa più deciso. Al 28’ la difesa azzurra cede e in mischia arriva la meta realizzata da Dufur e trasformata da N’Tamack.

Attimi di sbandamento per l’Italia e i francesi ne approfittano per incrementare il vantaggio. Al 33’ Meta di Boniface, non trasformata dalla compagine ospite. Al riposo il vantaggio è dei francesi che chiudono sul 12-3. Al rientro in campo il XV di Orlandi e Troncon appaiono determinati a riaprire il risultato. Al 42’ punizione per l’Italia, ma Cioffi non è preciso. Al 7’ però la pressione azzurra è tale che la Francia cede in difesa e concede la meta a D’Onofrio (trasforma Cioffi).

La sfida è equilibrata (12-10). I tecnici cercano soluzioni nelle panchina. Girandola di cambi per le due squadre. Al 58’ la Francia però aumenta il vantaggio con una punizione realizzata da N’Tamack (10-15). L’Italia non molla e si spinge in avanti nel tentativo di trovare qualche varco, ma soprattutto la via dei pali. Al 77’ è ancora la Francia a muovere il risultato con una punizione (18-10). Nel finale di tempo, a riprova che gli azzurri non hanno mai mollato, arriva una nuova punizione che Cioffi trasforma: il risultato però non cambia più e gli Azzurrini devono accontentarsi del punto di bonus.

Italia v Francia 13-18
Italia: Rimpelli (63’ Fischetti), Ceciliani (61’ Rollero), Zilocchi (52’ Riccioni) , Masselli (71’ Cannone), Venditti, Bianchi, Casolari (24’ Lamaro), Licata, Trussardi (76’ Biondelli), Rizzi, D’Onofrio, Zanon, Vaccari (68’ Dal Zilio), Bronzini, Cioffi
Francia: Boniface (48’ Aouf), Dufour (42’ Fourcade), Laclayat (51’ Colombe), Verhaeghe, Capelli, Geraci (72’ Woki), Cretin, Roumat, Couilloud, N’Tamack, Iraguha, Arrate, Millet, Fartass, Buros
Arbitro: Adamnson (SCO)
Marcatori: p.t. 18’ Cioffi punizione (3-0); 28’ m. Dufur tr. N’Tanack (3-7); 33’ m. Boniface non trasforma N’Tamack (3-12). s.t. 47’ m. D’Onofrio tr. Cioffi (10-12); 58’ punizione tr. N’Tamack (10-15); 77’ punizione tr. N’Tamack (10-18); 79’ punizione tr. Cioffi (13-18’).

  • shares
  • Mail