Dan Vickerman: l'ombra del suicidio dietro la sua morte

La polizia australiana non ha ufficializzato la causa della morte del 37enne ex campione di rugby. Ma ormai si parla apertamente di suicidio.

dan-vickerman.jpg

"Dan mi aveva confessato di non riuscire a gestire il passaggio dalla vita da rugbista a quella normale" aveva detto un amico poche ore dopo l'annuncio della morte del trentasettenne ex Wallabie Dan Vickerman. Una frase buttata lì, ma che fin da subito aveva fatto venire dubbi sul fatto che il decesso del campione fosse per cause naturali.

Con il passare dei giorni i dubbi sono aumentati e la stampa downunder ormai parla apertamente di probabile suicidio per Vickerman. Il New Zealand Herald sottolinea come le parole della polizia "è morto in circostanze non sospette" sia un indizio che il giocatore si sia tolto la vita. E a confermarlo, indirettamente, è anche John Kirwan, ex All Blacks ed ex ct dell'Italia e del Giappone.

L'attuale tecnico dei Blues, infatti, ha avuto in passato un brutto periodo in cui ha dovuto combattere contro la depressione e parlando della morte di Dan Vickerman, Kirwan ha detto: "Ci saranno tanti 'cosa sarebbe successo se..." e molte persone si chiederanno perché è successo questo. I miei pensieri vanno alla sua famiglia e ai suoi amici, sarà un periodo tremendo per loro".

"Credo che si debba usare la parola suicidio più spesso. Come precauzione, la gente non vuole nominarla, perché pensa che una persona che sta male potrebbe vederla come un'opzione, ma dobbiamo parlarne e capire perché succede" continua Kirwan. E l'ex All Blacks, che l'ha vissuto sulla sua persona, mette in guardia soprattutto gli sportivi, che possono essere più portati alla depressione. "Non è tanto quanti soldi hai in banca, quanto il fatto che a un certo punto si spengono le luci (della ribalta, ndr.) e il telefono non squilla più" racconta Kirwan.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 43 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO