Francia: Racing vs Goosen, la partita si gioca in tribunale

Il club parigino ha confermato di aver iniziato ad adire alle vie legali, sia in sede civile sia in sede penale.

johan-goosen.jpg

E' guerra aperta tra il Racing 92 e Johan Goosen, il 24enne sudafricano che poche settimane fa ha annunciato al club la volontà di lasciare il rugby per andare a lavorare come commerciale in Sud Africa. Una scelta che ha lasciato tutti perplessi, ma che ora ha pesanti risvolti legali.

Il club francese, infatti, ha annunciato che adirà alle vie legali dopo che il giocatore non si è presentato in sede né lunedì né martedì, nonostante sia ancora un dipendente del Racing e sia nella lista convocati per il match di Champions Cup di sabato contro il Munster. "In risposta al comportamento di Johan Goosen il Racing 92 è obbligato ad adire a diverse azioni legali per far valere i propri diritti e per rispondere ai danni causati al club - si legge in una nota della società -. Il Racing 92 è convinta di essere vittima di una frode sfacciata per la quale Johan Goosen e i suoi soci dovranno rispondere in tribunale".

Sì, perché a lasciare perplessi è il fatto che un 24enne, nel pieno della sua carriera sportiva, con un contratto di quattro anni rinnovato pochi mesi fa per una cifra di 500mila euro l'anno, sano fisicamente, decida di lasciare il rugby professionistico "e accetti un lavoro in un'azienda sudafricana per un decimo dello stipendio", come sottolinea sempre il Racing 92. E proprio il presunto contratto come commerciale sarebbe un falso e, per questo, il club si è rivolto anche in sede penale contro il giocatore e i suoi soci.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO