Italia vs Tonga: azzurri, che brutto passo indietro!

Si è appena conclusa a Padova una sfida non entusiasmante tra gli azzurri e i pacifici.

italia-tonga-risultato.jpg

Poco spettacolo, tanti errori, un'Italia un po' supponente che preferisce andare per il bersaglio grosso invece di piazzare un paio di punizioni non impossibili e Tonga che - così - resta in partita fino alla fine all'Euganeo di Padova. E, alla fine, Tonga vince contro un'Italia che fa un netto passo indietro - soprattutto come atteggiamento - rispetto ai due match con All Blacks e Sud Africa.

Match che viene anticipato dai bellissimi inni di Tonga e Italia, cantati in maniera emozionante (speriamo che la tradizione degli inni cantati continui, a differenza di Roma e Firenze, ndr.) da Beatrice Pezzini (Tonga) e Stefania Miotto (Italia), prima della Sipi Tau e del fischio d'inizio. Calcio d'avvio azzurro e primo attacco dei Tongani, che subito mettono il fisico e dopo un minuto e mezzo conquistano un piazzato poco oltre la metà campo. Ma Sonatane Takulua non trova i pali. Italia che muove l'ovale con il piede, cercando di risalire così il campo. Soffrono gli azzurri, lasciano troppo il pallino del gioco ai tongani che all'8' possono usufruire di una touche sui 5 metri dell'Italia. Occasione persa per la buona difesa azzurra che si salva. Continua il ping pong tattico, con l'Italia che evita lo scontro frontale contro Tonga e pacifici che si adattano a un gioco al piede che, al 10', premia gli azzurri con una touche in attacco. Finalmente gli azzurri usano l'ovale alla mano, un bel passaggio al largo a saltare l'uomo di Canna a Bisegni e, infine, una punizione per gli azzurri che vanno in touche nei 22 avversari. E dalla maul sbuca a sorpresa Cittadini che sfonda e va oltre per la prima meta del match e 7-0 Italia. E l'Italia torna avanti grazie all'ennesimo placcaggio devastante di Simone Favaro, palla a Van Schalkwyk, calcio di Canna e Tonga che si salva con una touche ancora in attacco per gli azzurri. Rimessa, Bronzini che parte sorprendendo la difesa pacifica, offload a Van Schalkwyk che, però, viene placcato ricevendo palla e fa avanti. Italia che, oltre alla meta, sul finire di questo primo quarto ha alzato il baricentro, prendendo il controllo dell'ovale e del match, anche se un errore di Bronzini palla al piede regala una touche in attacco a Tonga, che però perde Tevita Koloamatangi per infortunio.

Insiste Tonga, ma non riesce a guadagnare metri e deve usare il piede per obbligare Canna a un rinvio non preciso e touche sui 22 per gli ospiti. Ma Tonga conferma i propri limiti, con il neoentrato Mapapalangi che solleva Cittadini ribaltandolo a testa in giù e prende il giallo. Chance per l'Italia di sfruttare la superiorità e provare l'allungo in un match che, comunque, fatica ad accendersi. Nuovo fallo tongano e Canna può calciare in touche sui 5 metri ospiti. Questa volta, però, sbagliano gli azzurri e commettono fallo in maul, perdendo una buona occasione. Italia spesso imprecisa palla in mano, che commette qualche errore di troppo, permettendo così a Tonga di restare nel match. Così al 32' un fallo azzurro rimanda Sonatane Takulua sulla piazzola e questa volta arrivano i tre punti per Tonga. Pacifici che, però, si confermano particolarmente fallosi e Italia che insiste ad andare in touche alla ricerca della seconda meta del primo tempo, ma ancora una volta l'imprecisione e la fretta costano cara a un'Italia che sta lasciando troppi punti sul terreno dell'Euganeo. Così un brutto pallone perso nei 22 azzurri costa caro all'Italia che concede una punizione a Tonga e Sami Panico prende il cartellino giallo. Italia che si salva a un passo dalla linea di meta e va negli spogliatoi avanti 7-3, ma dopo un brutto primo tempo, con l'Italia che paga un po' di supponenza.

Ripresa che vede Tonga subito spingere sull'acceleratore per sfruttare la superiorità numerica e Italia che si conferma solida in difesa, con Venditti che ruba un buon ovale. Azzurri che però, con un uomo in meno, soffrono in mischia e al 45' Tonga ha un'altra chance dalla piazzola con Takulua e Tonga a -1. Prova a reagire l'Italia, ma ancora una volta è troppo nervosa palla in mano, commette errori banali e regala palla a Tonga, che però è imprecisa anche lei. Insiste però Tonga e al 52' trova il buco giusto al largo con Piutau (forse in avanti il passaggio) e ospiti meritatamente in vantaggio. Ma finalmente si sveglia l'Italia, ruba palla su un avanti tongano, calcetto di McLean per se stesso, offload al neoentrato Allan e Italia in meta e di nuovo a +1. Italia molto più aggressiva ora, che sembra aver beneficiato dal colpo subito, che prova finalmente a costruire gioco. E così arriva la terza meta, ma viene negata perché Bisegni esce dal campo prima di schiacciare in meta.

Torna ad attaccare Tonga, mette in difficoltà la difesa azzurra, che però resiste all'onda d'urto e, alla fine, obbliga al tenuto i pacifici mentre si è entrati negli ultimi 15 minuti del match. Soffre l'Italia, incapace di spostare il baricentro del match lontano dalla zona pericolosa del campo. Così al 72' una nuova folata per Tonga obbliga Tommaso Allan al fallo, secondo giallo per gli azzurri e ospiti che tornano avanti con un piazzato. A ridare fiato agli azzurri, nonostante punteggio e inferiorità, è un'indecisione di Tonga su un calcio di Padovani che ci regala, letteralmente, una touche nei 22 avversari. E azzurri che cercano, e trovano, il fallo di Tonga facile e centrale e Padovani trova i pali per il nuovo vantaggio azzurro a due minuti dalla fine. Ma arriva subito il fallo azzurro, il nuovo piazzato di Tonga e Takulua punisce gli azzurri che escono sconfitti da Padova.

ITALIA – TONGA 17-19
Sabato 26 novembre, ore 15.00 - Stadio Euganeo, Padova
Italia: 15 Edoardo Padovani, 14 Giulio Bisegni, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Luke McLean, 11 Giovanbattista Venditti, 10 Carlo Canna (54' Tommaso Allan), 9 Giorgio Bronzini (54' Edoardo Gori), 8 Dries Van Schalkwyk, 7 Simone Favaro, 6 Francesco Minto (44' Nicola Quaglio, 49' Francesco Minto, 71' Abraham Steyn), 5 Marco Fuser, 4 Quintin Geldenhuys (48' George Biagi), 3 Lorenzo Cittadini (41' Simone Ferrari), 2 Ornel Gega, 1 Sami Panico (49' Nicola Quaglio)
In panchina: 16 Tommaso D'Apice, 17 Nicola Quaglio, 18 Simone Ferrari, 19 George Biagi, 20 Abraham Steyn, 21 Edoardo Gori, 22 Tommaso Allan, 23 Michele Campagnaro
Tonga: 15 David Halaifonua (62' Cooper Vuna), 14 Nafi Tu’itavake, 13 Siale Piutau, 12 Latiume Fosita, 11 Fetu’u Vainikolo, 10 Kali Hala, 9 Sonatane Takulua, 8 Tevita Koloamatangi (21' Valentino Mapapalangi), 7 Jack Ram, 6 Dan Faleafa, 5 Jon Tu’ineau, 4 Steve Mafi, 3 Siua Halanukonuka (53' Sila Puafisi), 2 Paula Ngauamo (62' Elvis Taione), 1 Tevita Mailau (53' Paea Fa’anunu)
In panchina: 16 Tomasi Palu, 17 Paea Fa’anunu, 18 Sila Puafisi, 19 Valentino Mapapalangi, 20 Kotoni Ale, 21 Elvis Taione, 22 Tevita Taufui, 23 Cooper Vuna
Arbitro: John Lacey
Marcatori: 13' m. Cittadini tr. Canna, 33' cp. Takulua, 46' cp. Takulua, 53' m. Piutau tr. Takulua, 56' m. Allan tr. Allan, 78' cp. Padovani, 80' Takulua
Cartellini gialli: 24' Mapapalangi, 40' Panico, 73' Allan

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail