Italia vs Tonga -6: Michele Campagnaro torna in gruppo

Il centro degli Exeter Chiefs convocato per il terzo test autunnale degli azzurri.

michele-campagnaro.jpg

La rosa della Nazionale Italiana Rugby sale a trentadue atleti in vista del terzo ed ultimo Crédit Agricole Cariparma Test Match che sabato 26 novembre all’Euganeo di Padova metterà gli Azzurri di Conor O’Shea di fronte a Tonga, vittoriosa ieri a San Sebastian sugli Stati Uniti per 20-17: il centro degli Exeter Chiefs, Michele Campagnaro, dopo aver saltato per un problema muscolare le prime due uscite autunnali di Italrugby, si è aggregato ieri ai propri compagni e sarà a disposizione per preparare l’appuntamento conclusivo dell’autunno internazionale.

Dopo il check medico mattutino a cui sono stati sottoposti tutti i giocatori a margine della gara di ieri a Firenze, il Manager Luigi Troiani ha fatto il punto circa le condizioni degli atleti: “Ci sono alcune evoluzioni positive per quanto riguarda Mbandà ed Esposito, che sono rimasti a riposo dopo gli infortuni riportati alla caviglia ed alla spalla contro gli All Blacks la scorsa settimana, mentre resta da valutare la situazione di Furno, che non ha ancora recuperato dalla contrattura all’adduttore sinistro. Domani – ha aggiunto il Manager dell’Italia – sottoporremo ad ecografia Andries Van Schalkwyk per valutare il problema al bicipite femorale destro che lo ha costretto ad abbandonare il campo anzitempo ieri pomeriggio, mentre Steyn ha già effettuato una radiografia al costato che ha escluso ogni frattura. Analizzeremo anche con attenzione le condizioni del ginocchio di Bisegni, ma siamo fiduciosi”.

Il coach della mischia italiana, Giampiero De Carli, incontrando i media all’arrivo a Padova, ha spiegato come la vittoria contro il Sudafrica sia già stata archiviata: “Dobbiamo concentrarci su Tonga, vincere sabato a Padova sarebbe onestamente per noi il coronamento di un novembre più che positivo, che permetterebbe di andare verso il 6 Nazioni con grande fiducia e di dare ancora più voglia di lavorare a noi ed ai tecnici delle due Franchigie di PRO12”.

Inevitabile, per il tecnico degli avanti dell’Italia, tornare sulla gara vinta ieri sera a Firenze: “Quando ho pensato che avremmo potuto vincere? Quando siamo tornati negli spogliatoi a metà gara con grande serenità, consapevoli di poter alzare ancora un po’ il livello del nostro gioco. Aver concesso soli tre punti nei dieci minuti di inferiorità ad inizio secondo tempo è stato molto importante. Ci sono tanti giovani tra gli avanti che stanno facendo un percorso, penso a Panico, Ferrari, Quaglio, Ceccarelli, tutti ragazzi alle prime esperienze internazionali. Ed altri potranno emergere negli anni che ci aspettano: possiamo arrivare alla Rugby World Cup del 2019 con sette, otto piloni di livello tra cui effettuare le nostre scelte” ha concluso De Carli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail