Italia vs All Blacks -1: Parisse 'Un approccio completamente diverso rispetto al passato'

Il capitano azzurro ha parlato alla fine del Captain's Run a un giorno dalla sfida contro la Nuova Zelanda a Roma.

of Ireland of Italy during the RBS Six Nations match between Ireland and Italy at the Aviva Stadium on March 12, 2016 in Dublin, Ireland.

Poco più di 24 ore e poi Italia e All Blacks scenderanno in campo. Stamani gli azzurri hanno effettuato il Captain's Run allo Stadio Olimpico di Roma e dopo il breve allenamento Sergio Parisse ha incontrato la stampa. Ecco le sue parole.

“Per me è stato il primo approccio sul campo con Conor e tutto lo staff e devo dire che sono rimasto molto impressionato dal modo di lavorare di gestire gli allenamenti, positivamente ovviamente – risponde Sergio alla domanda di Rugby 1823 -. Sono molto motivato, nonostante a 33 anni so che all'inizio c'è sempre tanta volontà di mettersi in gioco, ma devo dire che ne ho visti tanti di allenatori e sono veramente molto, ma molto contento e fiducioso di come la squadra sta rispondendo alle nuove esigenze di questo staff. Poi, ovviamente, ci sarà il campo, le performance, ma personalmente sono molto, molto contento di questo nuovo approccio”.

Parlando degli All Blacks, con molti rincalzi in campo, Parisse dice “Io penso che la Nuova Zelanda sia una squadra talmente forte che a prescindere dalla formazione che schiera in campo è una squadra che per noi è una grandissima squadra. Quindi al di là dei nomi, gli All Blacks rispettano sempre molto gli avversari, molto umile e giocano ogni partita al massimo della loro possibilità, che sia Kieren Read, Coles o Perenara. Basta vedere la Championship, dove hanno vinte tutte le partite con bonus, forse da noi una squadra dopo 2/3 partite con bonus e il torneo ormai vinto si rilassa, loro non lo fanno mai. Non credo ci sia una mancanza di rispetto verso di noi, ma l'allenatore deve provare i giocatori ed è normale che li facciano quando incontrano una squadra come l'Italia”.

“Rispetto al passato abbiamo lavorato in un modo completamente diverso, sicuramente nell'analisi e nella strategia e nell'intelligenza tattica con cui vogliamo affrontare la partita di domani ci saranno novità, che spero riusciremo a mettere in campo. Sicuramente sarà una squadra diversa la nostra, perché diverso è stato l'approccio alla partita rispetto al passato – continua il capitano azzurro -. Domani vedrete cosa riusciremo a fare”.

“Per me Dane Coles ha fatto una stagione incredibile, a fatto veramente la differenza. Tra i candidati al premio di giocatore dell'anno è il favorito, secondo me, insieme a Maro Itoje – dice Parisse, che poi guarda all'ultima sconfitta dei tuttineri -. Gli irlandesi hanno, sotto il punto di vista dell'intensità e dell'aggressività, il loro punto di forza, sono stati grandiosi. Li hanno anche messi in difficoltà su qualche drive in touche e gli All Blacks si sono trovato davanti giocatori che in ogni punto d'incontro hanno fatto la guerra. Noi dovremo essere aggressivi, soprattutto in difesa cercando di rallentare i palloni. Fondamentali saranno proprio i placcaggi e i punti d'incontro”.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail