Canada - Italia: azzurri, c'è solo la vittoria

Si è appena concluso a Toronto il non entusiasmante match tra i Canucks e gli azzurri.

SAN JOSE, CA - JUNE 18: David Odiete of Italy runs with the ball in the first half of the match against the United States at Avaya Stadium on June 18, 2016 in San Jose, California. (Photo by Lachlan Cunningham/Getty Images)

C'è un caldo ben poco canadese a Toronto in questi giorni e il BMO Field a mezzogiorno è un catino infiammato. L'avvio vede il Canada usare molto la mano, mentre l'Italia gestisce gli spazi con i calci, ma è proprio un calcio sbagliato di Matt Evans a dare la prima mischia in attacco agli azzurri dopo due minuti. Bene la prima mischia, anche se l'attacco azzurro va un po' in confusione con Boni e Campagnaro e nulla di fatto. Insiste in attacco il XV di O'Shea, che domina mischia e touche e al 7' conquista una punizione piazzabile. E Allan non sbaglia, anche se l'annunciatrice allo stadio confonde sport e dice che l'Italia è avanti 1-0. Azione confusa al 10', quando Gori ruba palla a metà campo, ma poi il passaggio è impreciso e gli azzurri lo controllano a fatica. Un pallone rubato dal Canada, però, dà il via a un bel contropiede di Taylor Paris e i padroni di casa conquistano una punizione. E Gordon McRorie non sbaglia. Bel buco trovato da Van Schalkwyk e fallo al limite dell'antisportivo del Canada e nuova chance per Allan al piede e tre punti per gli azzurri. Canada veramente pessimo in touche, perse tutte e tre le prime, e così Italia che resta avanzante sul territorio. Due begli offload di Gori e Favaro portano gli azzurri nei 22 offensivi, Boni avanza e poi c'è un nuovo fallo fischiato dall'arbitro e Allan può allungare ancora, ma sbaglia. Sul calcio canadese seguente azzurri distratti e lasciano che l'ovale esca in touche nei propri 22, mettendosi in una situazione complicata. E arriva il primo water-break del match.

Italia che commette fallo in maul e Canada che va per la touche nei 22 azzurri. Ancora un fallo azzurro in maul e questa volta McRorie va per i pali e trova il pareggio. L'Italia accelera, sfrutta un'indecisione difensiva per portarsi in attacco, ma spreca malamente una bella occasione e ancora nulla di fatto. Al 26' placcaggio pericoloso su David Odiete da parte di Ciaran Hearn che viene ammonito. Italia troppo imprecisa palla in mano, anche se comanda il gioco non riesce a creare reali occasioni di meta, con i trequarti che spesso sbagliano il passaggio decisivo e, così, si arriva quasi alla mezz'ora ancora fermi sul 6-6, nonostante un predominio territoriale e di possesso degli azzurri. E, così, al 32' è addirittura il Canada a potersi portare in vantaggio dopo un nuovo fallo azzurro e McRorie non sbaglia. Lo svantaggio dà una scossa agli azzurri che costruiscono una bella azione e obbligano questa volta i padroni di casa al fallo e Tommy Allan va sulla piazzola e questa volta non sbaglia. Al 36' McRorie tenta un drop quantomeno pretenzioso, praticamente da metà campo, che non va dentro, mentre rientra Hearn, con l'Italia che non ha saputo sfruttare la superiorità. Il primo tempo si chiude con Gori che centra l'arbitro, che era sulla traiettoria ideale, sul viso e tutti negli spogliatoi. Un primo tempo che ricalca in parte quanto visto a San Jose. Italia che fa la partita, ma non concretizza, molto confusionaria, con troppi errori non forzati da parte soprattutto dei trequarti.

Parte nuovamente all'attacco l'Italia, ma dopo un paio di bei break arriva il tenuto e ancora una volta nulla di fatto al BMO Field. Ancora errori degli azzurri e il Canada può trovare una touche offensiva nei 22 dell'Italia. Maul avanzante del Canada, Italia che soffre, ferma i Canucks sui 5 metri, continui pick&go e alla fine punizione per il Canada che va per i pali e si riporta in vantaggio. Finalmente l'Italia inizia ad alzare il livello qualitativo, produce una bella azione corale, molti passaggi riusciti e obbliga il Canada a rifugiarsi in fallo e Allan ritrova il pareggio al 51'. Ma al 54' un nuovo fischio arbitrale riporta a +3 il Canada, mentre O'Shea prova a cambiare qualcosa sostituendo i piloni. Fatica, però, la squadra di Conor O'Shea a trovare qualche guizzo offensivo e così si affida alla maul per risalire il campo e costringere i Canucks al fallo che permette ad Allan di trovare una touche sui 5 metri. Come a San Jose è ancora Gega da maul a schiacciare in meta e Italia che finalmente si sblocca e va a +2 dopo l'errore dalla piazzola con Allan. E nuovo water-break.

O'Shea cambia completamente la mediana per l'ultimo quarto di gioco, dentro Palazzani e Canna, fuori Gori e Allan, nella speranza di trovare soluzioni alternative in attacco, dove l'Italia ha fatto veramente poco oggi. Arriva, invece, un nuovo fallo azzurro e Gordon McRorie ha l'occasione di riportare avanti il Canada. E non sbaglia neanche questa volta. Al 69'va in meta David Odiete dopo una bella azione, ma l'arbitro annulla per un avanti di Palazzani nel controllo dell'ovale in ruck. Poco dopo nuovo fallo del Canada, ma sull'azione Venditti doveva passare la palla con sovrannumero al largo, e Canna riporta a +2 l'Italia. Ma alla ripresa del gioco un errore in ricezione dà una mischia nei 22 azzurri al Canada, ma il pack azzurro devasta quello canadese e risale il campo. Italia che avrebbe l'occasione di chiudere, ma un errore in touche non solo salva il Canada, ma costa a Canna il giallo per placcaggio al collo e Italia che chiuderà il match in 14. Ma è la mischia a tenere a galla gli azzurri, con il pack che obbliga all'ennesimo fallo i padroni di casa (ottimo il neoentrato Panico) e Italia che resta in zona d'attacco. E il cronometro ormai è quasi all'80', l'Italia controlla il vantaggio e Palazzani calcia fuori e finisce qui.

CANADA – ITALIA 18-20
Domenica 26 giugno, ore 18.00 - BMO Field, Toronto
Canada: 15 Matt Evans, 14 Dan Moor, 13 Ciaran Hearn, 12 Nick Blevins, 11 Taylor Paris, 10 Pat Parfrey (59' Liam Underwood), 9 Gordon McRorie, 8 Aaron Carpenter, 7 Lucas Rumball, 6 Kyle Baillie (69' Matt Heaton), 5 Evan Olmstead (52' Paul Ciulini), 4 Jamie Cudmore, 3 Jake Ilnicki, 2 Ray Barkwill (69' Eric Howard), 1 Djustice Sears-Duru (63' Tom Dolezel)
In panchina: 16 Eric Howard, 17 Tom Dolezel, 18 Matt Tierney, 19 Paul Ciulini, 20 Matt Heaton, 21 Jamie Mackenzie, 22 Liam Underwood, 23 Brock Staller
Italia: 15 David Odiete, 14 Angelo Esposito, 13 Michele Campagnaro, 12 Tommaso Boni, 11 Giovanbattista Venditti, 10 Tommaso Allan (61' Carlo Canna), 9 Edoardo Gori (61' Guglielmo Palazzani), 8 Andries Van Schalkwyk, 7 Simone Favaro, 6 Maxime Mbanda’, 5 Marco Fuser, 4 Quintin Geldenhuys, 3 Lorenzo Cittadini (54' Pietro Ceccarelli), 2 Ornel Gega (74' Tommaso D’Apice), 1 Andrea Lovotti (54' Sami Panico)
In panchina: 16 Tommaso D’Apice, 17 Sami Panico, 18 Pietro Ceccarelli, 19 Sebastian Negri, 20 Jacopo Sarto, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Carlo Canna, 23 Giulio Bisegni
Arbitro: Alex Ruiz
Marcatori: 8' cp. Allan, 12' cp. McRorie, 15' cp. Allan, 24' cp. McRorie, 32' cp. McRorie, 35' cp. Allan, 48' cp. McRorie, 51' cp. Allan, 54' cp. McRorie, 60' m. Gega, 67' cp. McRorie, 72' cp. Canna
Cartellini gialli: 26' Hearn, 76' Canna

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail