Top 14: minacce all'arbitro, stop di 15 mesi

Silvère Tian, giocatore dell'Oyonnax, aveva insultato e minacciato Romain Poite. Carriera finita?

silvere-tian.jpg

E' giorno di sentenze nel rugby mondiale. Dopo le 1508 settimane al pilone argentino che ha colpito con un calcio in faccia un avversario, in Francia è arrivata la decisione su Silvère Tian, giocatore dell'Oyonnax che aveva tentato di aggredire l'arbitro Poite nella sfida con Grenoble lo scorso 2 aprile.

Tian era stato ammonito da Poite e poi espulso per le proteste e le ingiurie, ma il peggio doveva ancora arrivare. A fine partita, infatti, mentre l'arbitro stava raggiungendo il tunnel per gli spogliatoi il giocatore ha tentato di aggredirlo, con "atti e linguaggio minacciosi nei confronti del direttore di gara" come riferisce la commissione giudicante.

E, così, per Silvère Tian è arrivata una pesante squalifica: 15 mesi di stop e, dunque, la possibilità di tornare in campo solo nella stagione 2017/18. E per Tian, classe 1980 nato a Abidjan in Costa d'Avorio, significa un lunghissimo stop e il rientro solo a 37 anni. Insomma, se non è la fine ufficiale della sua carriera ci assomiglia veramente tanto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail