Record ovali: Nigel Owens abbatte un altro muro

L'11 giugno prossimo, a Suva nelle Fiji, l'arbitro gallese diventerà il fischietto più esperto della storia.

nigel-owens-record.jpg

Se si tratta di stracciare record, abbattere muri e far parlare di sé Nigel Owens è sicuramente uno dei migliori. E quest'estate l'ottimo arbitro gallese segnerà un altro record invidiabile, mettendo nei cassetti dei ricordi il suo collega Jonathan Kaplan.

L'11 giugno prossimo, infatti, Nigel Owens arbitrerà la sfida tra le Fiji e Tonga a Suva e quello sarà il suo 71° test match internazionale come arbitro. Battendo, appunto, il sudafricano Kaplan che si è fermato a quota 70. Per Owens un traguardo storico di un percorso iniziato nel lontano 2003 a Lisbona, quando il suo primo match internazionale fu la partita tra il Portogallo e la Georgia, con i padroni di casa che si imposero 34-30. Un'era ovale fa.

Da allora l'arbitro gallese è salito nella scala gerarchica fino alla vetta e nella sua carriera può annoverare 16 partite del Sei Nazioni, 12 della Rugby Championship, tre finali di Coppa Europa e, ciliegina sulla torta, la finalissima della Coppa del Mondo lo scorso ottobre a Londra.

La World Rugby, inoltre, ha ufficializzato le designazioni arbitrali per gli altri test match di giugno 2016, compresi quelli del tour delle Americhe dell'Italia, esordio di Conor O'Shea sulla panchina azzurra. A dirigere gli azzurri saranno tre volti emergenti del panorama arbitrale, con il sudafricano Stuart Berry incaricato di arbitrare la sfida dell’11 giugno contro i Pumas (che non si giocherà, come annunciato, a Comodoro Rivadavia, ma la sede dovrà essere definita a breve, ndr.) e il connazionale Marius Van der Westhuizen designato per la gara della settimana seguente a San Josè (CA) contro gli Stati Uniti. Domenica 26 giugno, a Toronto contro il Canada, a dirigere l’Italrugby sarà invece il 29enne francese Alexandre Ruiz.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail