Caos Zebre: Pagliarini, il presidente tappabuchi?

Ieri il cda ha scelto il successore di Romanini. Ma non è una scelta che guarda al futuro.

zebre-treviso-post.jpg

Sarà Stefano Pagliarini il quarto presidente delle Zebre. A nominarlo, ieri, il cda della franchigia bianconera che ha anche votato Corrado Azzali vicepresidente. Dopo Reverberi, Bernabò e Romanini ora, dunque, a prendere il timone delle Zebre sarà l'ex giocatore del Rugby Parma.

Il comunicato delle Zebre non racconta molto né del perché della scelta né di chi è il nuovo presidente, che ha vestito una ventina di volte la maglia del Rugby Parma e poi è stato velocemente dirigente per un anno a inizio millennio dell'Amatori Parma. Imprenditore, già consigliere nelle Zebre, Stefano Pagliarini è stata una scelta in fretta e furia, un piano B dopo il "no, grazie" di Stefano Cantoni, presidente in pectore fino a pochi giorni fa.

Insomma, l'elezione di Pagliarini sa di tappabuchi, di scelta ponte per arrivare a fine stagione, per poi capire cosa fare. Sicuramente più importante e di maggior peso la scelta del nocetano Azzali a suo vice, ma basterà a dare credibilità alla guida delle Zebre, a dare alla società quella professionalità e quella programmazione a lungo termine mancata sino a ora?

Ma, soprattutto, ora che c'è chi comanda (almeno ufficialmente) nelle Zebre, la franchigia di Parma risponderà alle domande di Rugby 1823? Noi le abbiamo girate alle Zebre e attendiamo una risposta.

QUATTRO DOMANDE AL NEOPRESIDENTE DELLE ZEBRE

Qual è la reale situazione economica delle Zebre? Il passivo di cui si vocifera da mesi varia tra 700mila e 1.2 milioni di euro. Quali sono i numeri reali del budget bianconero?

Se c'è, come ci risulta, questo pesante buco di bilancio chi lo coprirà da qui a fine stagione? E' vero che la Fir è pronta a un ulteriore esborso economico (nonostante i dubbi economici e politici di una simile iniziativa) per appianare i debiti e garantire il budget per iniziare la prossima stagione?

Nei mesi scorsi come ha lavorato il marketing e il commerciale delle Zebre? Quali sono gli accordi di sponsorizzazione in atto e quanto coprono delle spese della franchigia? Quali sono le spese e i ricavi che avrebbero portato al presunto buco finanziario?

Stante la situazione economica e societaria, perché negli scorsi mesi non si è discusso seriamente con chi ha proposto di entrare in società rilevando quote importanti della stessa, come ha reso pubblico l'editore Dalai nei giorni scorsi? Se ci sono investitori pronti a entrare nelle Zebre, perché non vengono ascoltati di fronte all'attuale situazione societaria? Lei che era nel consiglio era a conoscenza di questi interessamenti?

Vota l'articolo:
4.05 su 5.00 basato su 20 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO