6 Nazioni 2016: Italia senz'anima, l'Irlanda dilaga

Azzurri molli in difesa e che non pungono in attacco a Dublino, dove l'Irlanda chiude la pratica in mezz'ora.

during the RBS Six Nations match between Ireland and Italy at Aviva Stadium on March 12, 2016 in Dublin, Ireland.

Cocciante cantava "Bella senz'anima", ma quest'Italia non è neanche bella. Tutto facile per un'Irlanda cui l'Italia permette di apparire ben più forte di quello che è. Padroni di casa cui viene concesso di fare tutto, con una difesa italiana senza nerbo, mentre quando prova a fare possesso l'Italia si scontra con la propria incapacità di essere realmente pericolosa. Irlanda che, così, chiude la pratica in mezz'ora e poi può dilagare nella ripresa

Si inizia con un cambio dell'ultimo minuto nell'Italia, con Lorenzo Cittadini che non è abile e arruolato e al suo posto in campo c'è Dario Chistolini, con Pietro Ceccarelli al suo esordio in panchina. E il match inizia subito con un pallone alto vinto dall'Irlanda, che però spreca la prima occasione della partita. Così il primo vero attacco è dell'Italia, che parte da una touche sui 22, sfonda con Parisse e Palazzani, palla al largo a Garcia che però esce dal campo prima di poter schiacciare in meta. Azzurri che restano in attacco, Irlanda in sofferenza, ma si salva con errore azzurro. Al 6' prima touche persa dell'Italia e Irlanda che può superare la metà campo. E, come Parisse aveva temuto alla vigilia, gli azzurri regalano la prima meta agli avversari. Calcetto irlandese, Sarto palleggia la palla a Odiete, ma è un tocco sconsiderato e l'Irlanda si può involare senza problemi con Trimble. Al 10' prova a rispondere l'Italia con Campagnaro, ma l'offload a Odiete non va a buon fine e occasione per l'Irlanda che scatta con Earls, ma Palazzani è in anticipo e salva. Soffre l'Italia ora e sono le imprecisioni dei padroni di casa a impedire che il punteggio si ampli ancora. Irlanda che ha una facile occasione al piede, ma sceglie la touche, sfonda con il pack e va oltre la linea con McGrath e padroni di casa che scappano via dopo un quarto d'ora. Prova a reagire l'Italia, fa possesso, ma fatica a guadagnare spazi e metri. Terza touche persa in un quarto di partita per Giazzon, ma Italia che resta comunque con la palla in mano.

Al 23' fallo irlandese in difesa nei 22 verdi e Edoardo Padovani ha la chance per mettere i primi tre punti per l'Italia e la giovane apertura non sbaglia. Due minuti e un placcaggio in ritardo di Parisse a Sexton manda l'apertura sulla piazzola e nonostante il dolore al costato arrivano i tre punti per l'Irlanda. Il XV di Schmidt insiste, domina il territorio (66% alla mezz'ora), ha una fiammata proprio allo scoccare del 30' e va in meta per la terza volta, questa volta con CJ Stander che sfonda su un Geldenhuys entrato molle in campo in sostituzione di Fuser. Italia che al 36' perde anche la seconda seconda linea Biagi, con Minto che scala e Steyn che va in terza. E' un'Italia più aggressiva, che prova a costruire azioni pericolose, passando molto spesso da Campagnaro, ma non riesce mai a concretizzare la mole di gioco che produce. E, così, allo scadere viene punita per la quarta volta, con una grande azione iniziata al limite dei 22 irlandesi, con le folate verdi che non vengono arginate dagli azzurri e alla fine è Heaslip a schiacciare per il 25-3 con cui si chiude il primo tempo.

E la ripresa inizia peggio del primo tempo per gli azzurri che faticano fin da subito, riescono a conquistare il pallone, ma un avventato passaggio a saltare il primo centro di Padovani viene intercettato da Payne che ringrazia e va in meta. Al 47' è Parisse, invece, a voler fare il colpo spettacolare, ma il suo passaggio al limite non si concretizza e azzurri che rischiano un altro contrattacco. Ma dalla seguente azione nuovo sfondamento dei tuttiverdi e meta di Heaslip che concede il bis. E la difesa azzurra continua a fare acqua e al 54' è anche il neoentrato Cronin a bucarla senza fatica per il 46-3. Al 57' arriva la meta della bandiera per gli azzurri che battono velocemente un fallo sui 5 metri con Padovani (che si infortuna), poi Palazzani spara al largo a Odiete che può tuffarsi in meta.

Ma subito dopo rischia grosso l'Italia con l'ennesimo passaggio fatto con sufficienza, ma per fortuna degli azzurri c'era un vantaggio e nulla di fatto per l'Irlanda. Fa, invece, Ian Madigan al 64' e con la sua meta al largo l'Irlanda supera quota 50 punti sul tabellino. Con la partita ormai archiviata è il momento per gli esordienti di toccare un po' di palloni, con Lucchese e Fabiani in particolare a mettersi in mostra. Padroni di casa che lasciano sfogare gli azzurri in una partita che ha finito troppo presto di avere qualcosa da dire. E al 75' arriva la meta di Leonardo Sarto - che segna nella sua peggior partita del Torneo - che porta il punteggio sul 51-15. Che diventa 58-15 al 79' con la meta di McFadden, che così partecipa alla festa irlandese.

IRLANDA – ITALIA 58-15
Sabato 12 marzo, ore 14.30 - Aviva Stadium, Dublino
Irlanda: 15 Simon Zebo, 14 Andrew Trimble (21' Fergus McFadden, 29' Andrew Trimble), 13 Jared Payne (72' Fergus McFadden), 12 Robbie Henshaw (37' Fergus McFadden, 41' Robbie Henshaw), 11 Keith Earls, 10 Jonathan Sexton (50' Ian Madigan), 9 Conor Murray (60' Kieran Marmion), 8 Jamie Heaslip, 7 Josh van der Flier, 6 CJ Stander (62' Rhys Ruddock), 5 Devin Toner, 4 Donnacha Ryan, 3 Mike Ross (55' Nathan White), 2 Rory Best (50' Sean Cronin), 1 Jack McGrath (66' Finlay Bealham)
Italia: 15 David Odiete, 14 Leonardo Sarto, 13 Michele Campagnaro, 12 Gonzalo Garcia (55' Kelly Haimona), 11 Mattia Bellini, 10 Edoardo Padovani (60' Luke McLean), 9 Guglielmo Palazzani (62' Alberto Lucchese), 8 Sergio Parisse, 7 Alessandro Zanni, 6 Francesco Minto, 5 Marco Fuser (27' Quintin Geldenhuys), 4 George Biagi (36' Abraham Steyn), 3 Dario Chistolini (55' Pietro Ceccarelli), 2 Davide Giazzon (55' Oliviero Fabiani), 1 Andrea Lovotti (72' Matteo Zanusso)
Arbitro: Angus Gardner
Marcatori: 8' m. Trimble, 15' m. McGrath tr. Sexton, 24' cp. Padovani, 27' cp. Sexton, 31' m. Stander, 40' m. Heaslip, 43' m. Payne tr. Sexton, 49' m. Heaslip tr. Sexton, 54' m. Cronin tr. Madigan, 58' m. Odiete tr. Haimona, 64' m. Madigan, 75' m. Sarto, 79' m. McFadden tr. Madigan

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail