Rugby e social: Tito Tebaldi e quel placcaggio esagerato

Il mediano di mischia si è sfogato su Facebook dopo i titoli troppo strillati per un placcaggio subito.

Un placcaggio duro, sicuramente. Tito Tebaldi, mediano degli Harlequins, è stato placcato durante il match dello scorso weekend con i Northampton Saints da Ken Pisi e il video del colpo (che vedete qui sopra) ha subito fatto il giro dei social. Purtroppo, però, come spesso capita qualcuno ha "titolato" in maniera impropria il video, parlando di "giocatore svenuto per 10 minuti" e altre frasi preoccupanti.

In verità il colpo è sì stato duro e Tito è rimasto un po' a terra sofferente. Ma nulla di tragico, nulla di pericoloso al punto che il numero 9 dei Quins ha finito senza problemi la partita. Eppure i commenti e i titoli sui social network hanno spaventato, soprattutto amici e parenti di Tito. E Tebaldi ieri ha voluto esprimere la sua opinione proprio su Facebook, con un post che ha voluto fare chiarezza e porre l'attenzione su certi eccessi social.

"Non so quante persone leggeranno questo mio messaggio che sono a scrivere dopo un'attenta e prolungata riflessione. Riguarda un comune episodio di gioco che m'ha visto coinvolto sabato scorso, nella partita contro Northempton, e che, in quanto comune, non m'ha impedito di finire la partita. Il suddetto episodio non penso vada descritto data la grande risonanza avuta e mai avrei pensato mi portasse a scrivere una cosa del genere, trattandosi appunto di una normalissima azione di rugby.
Il problema però è quando la verità viene storpiata e diventa causa di preoccupazione e talvolta paura nelle persone vicine, come parenti o amici cari. Conosciamo tutti la "potenza" dei social network e spero che questo mio messaggio possa risolvere il malinteso scaturito da commenti affrettati!".

  • shares
  • Mail