Challenge Cup: le Zebre lottano ma non basta

Si è chiusa a Parma l'ultima sfida della stagione europea dei bianconeri contro Gloucester.

<> at Kingsholm Stadium on November 14, 2015 in Gloucester, England.

Due calci di Padovani a inizio match, poi Gloucester che esce con forza, prima con il piede di Burns, poi con la meta di Atkinson e inglesi che vanno avanti 11-6. Poi, al 73', è Dries Van Schalkwyk a violare la meta del Gloucester per il momentaneo pareggio, ma al 76' è ancora Burns, dalla piazzola, a fare la differenza. Escono a testa alta le Zebre dalla Challenge Cup e ora occhi puntati sul Pro 12.

Subito grande pressione delle Zebre: Halaifonua in ruck è contrastato da De Marchi e Leonardo Sarto che lo costringono al tenuto. Padovani dalla piazzola sblocca il parziale per il primo vantaggio dei bianconeri. Al 5° va in onda la stessa giocata: questa volta è Burns a venire sanzionato col tenuto da 40 metri: ancora Padovani per il 6-0. Dopo un buon ingaggio sulla metà campo il XV del Nord-Ovest gioca un’altra mischia in attacco ma l’azione nei 22 si chiude stavolta col tenuto a Bernabò. Gloucester avanza grazie all’indisciplina italiana in ruck e trova la prima touche in attacco al 10° ma sono brave le Zebre a recuperare l’ovale con Berryman e risalire alla mano. Bene i bianconeri in mischia chiusa con Conway che fischia un fallo a favore all’avanzante mischia italiana al 15°. Dopo alcune buone fasi con ottimi ricicli fino ai 10 metri, l’ovale è però perso avanti da Palazzani sul placcaggio avversario. Gli inglesi provano a sfondare sulla destra con l’ala Halaifonua ma è brava la difesa italiana ad uscire dalla pressione e risalire ritrovando il possesso. Rowan e compagni sfruttano un fuorigioco per trovare la seconda touche in attacco a metà tempo: l’azione sfuma ma il tenuto fischiato a Berryman sui 22 permette a Burns di trovare un’altra rimessa. Lindsay decide per un lancio veloce sul primo blocco che però non fa abboccare i saltatori italiani. Avanza ancora nei propri 22 la mischia italiana che sembra aver preso in mano la contesa con Palazzani a liberare al piede. Contrattacca in modo pericoloso Gloucester che sembra trovare spazio al largo sinistro ma è perfetto Berryman a portare fuori McColl. E’ il momento migliore degli inglesi che si scontrano contro la difesa italiana che recupera ancora l’ovale ma risulta indisciplinata in ruck con un’entrata laterale. Burns questa volta decide per i pali accorciando al 29°. Dopo una touche persa in attacco le Zebre ritornano avanti grazie al fuorigioco di Thomas al 34° concludendo lo sforzo offensivo con la giocata al piede di Padovani. L’aggressività è l’arma in più per il XV di Guidi che trova il turn-over al 38° ed il fallo sul punto d’incontro seguente che da a Padovani la terza possibilità dalla piazzola. Da quasi metà campo a 5 metri dalla linea laterale il calcio dell’apertura è però largo.

La ripresa inizia con Berryman che strappa l’ovale dalle mani di un avversario con Gloucester pescato poi in fuorigioco. La touche bianconera innesca la maul avanzante: dopo aver guadagnato 20 metri Palazzani serve l’ovale all’interno ma lo stesso è perso in avanti. Ci provano le Zebre alla mano con diverse fasi prima che Van Schalkwyk provi a servire Leonardo Sarto con un grubber. Altra buona azione alla mano del XV del Nord-Ovest che però subisce il break di Morgan che strappa 50 metri servendo poi Atkinson fermato sui 5 metri. L’azione sfuma ma Conway torna su un vantaggio precedente: Ruzza viene ammonito. Cook sporca la rimessa ai 5 degli inglesi ma prosegue l’azione del Gloucester bravo a trovare la prima meta della sfida alla bandierina sinistra con Atkinson. Burns non trasforma con i Cherry & Whites per la prima volta avanti al 53°. Dopo alcuni cambi la mischia italiana è ancora protagonista trovando il fallo al 59°: il nuovo entrato Haimona decide per la touche sui 22 ma l’ovale aereo non è controllato bene costringendo i saltatori bianconeri all’in avanti. Decide per la giocata al piede il mediano Heinz con Beyers che si fa però stoppare il proprio calcio di liberazione. Attacca Gloucester che entra nei 22 alla mano ma perdendo il possesso sul placcaggio di Bernabò. L’attacco delle Zebre passa per le veloci gambe di Boni e Leonardo Sarto che guadagnano 50 metri ma controlla bene la difesa inglese che decide ancora per ricalciare l’ovale verso la retroguardia italiana. L’azione porta alla mischia che vede per la prima volta al 70° Gloucester ricevere un fallo a favore: Burns centra i pali da 35 metri per il +5 ospite. Reagiscono i bianconeri che si riportano rapidamente nei 22 del Gloucester: Beyers è fermato in prima fase con Van Schalkwyk che non controlla un bel passaggio di Burgess. Dopo la mischia inglese Leonardo Sarto recupera il calcio di liberazione ed accende la sua velocità bucando la difesa inglese sull’out sinistro: sui 22 arriva il riciclo per Van Schalkwyk che segna la meta del pareggio. Haimona non centra i pali sulla trasformazione a sei minuti dalla fine. Gloucester ha la possibilità di riportarsi avanti subito dopo sfruttando l’indisciplina di Pratichetti in ruck: da 20 metri Burns trova il secondo vantaggio ospite al 76°. Galarza è pescato in fuorigioco dopo il calcio di rinvio e così Beyers può calciare da 45 metri ma la pedata del sudafricano è larga. Le Zebre ricevono ed hanno un ultimo possesso per cercare la meta della vittoria ma l’ovale è perso sul placcaggio alla metà campo: Gloucester controlla la mischia con 15 secondi da giocare calciando fuori l’ovale che sancisce la vittoria inglese per 14-11. Sfuma così la quinta vittoria consecutiva per le Zebre che chiudono la loro positiva campagna di Challenge Cup con tre vittorie all’attivo e 13 punti in classifica.

ZEBRE - GLOUCESTER 11-14
Sabato 23 gennaio, ore 15.00 - Stadio Lanfranchi, Parma
Zebre: Kayle Van Zyl, Dion Berryman, Tommaso Boni, Matteo Pratichetti, Leonardo Sarto, Edoardo Padovani, Guglielmo Palazzani, Andries Van Schalkwyk, Jean Cook, Jacopo Sarto, Marco Bortolami (c), Valerio Bernabò, Pietro Ceccarelli, Oliviero Fabiani, Andrea De Marchi
In panchina: Emiliano Coria, Bruno Postiglioni, Guillermo Roan, Gideon Koegelenberg, Federico Ruzza, Luke Burgess, Ulrich Beyers, Kelly Haimona
Gloucester: Rob Cook; David Halaifonua, Bill Meakes, Mark Atkinson, Steve McColl; Billy Burns, Willi Heinz; Yann Thomas, Tom Lindsay, Paul Doran-Jones; Joe Latta, Mariano Galarza; Lewis Ludlow, Jacob Rowan (capt), Ben Morgan
In panchina: Darren Dawidiuk, Nick Wood, Josh McNulty, Tom Hicks, Elliott Stooke, Callum Braley, Charlie Sharples, Gareth Evans
Arbitro: Gary Conway
Marcatori: 1' cp. Padovani, 5' cp. Padovani, 28' cp. Burns, 51' m. Atkinson, 68' cp. , 73' m. Van Schalkwyk, 76' cp. Burns

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail