Sud Africa: la semifinale mondiale non salverà Meyer?

Secondo la stampa sudafricana il ct degli Springboks potrebbe venir sfiduciato a dicembre. Al suo posto il "politically correct" Coetzee.

CAPE TOWN, SOUTH AFRICA - APRIL 05: Stormers coach Allister Coetzee during the Super Rugby match between DHL Stormers and Waratahs at DHL Newlands Stadium on April 05, 2014 in Cape Town, South Africa. (Photo by Shaun Roy/Gallo Images)

Ha raggiunto la semifinale iridata nell'ultima Coppa del Mondo, ma il rapporto tra Heyneke Meyer e il suo Sud Africa resta ai minimi storici. Le polemiche razziali, i risultati scadenti degli ultimi anni, il clamoroso ko subito contro il Giappone in Inghilterra pesano tantissimo sulle spalle di un allenatore che sembra aver perso la fiducia anche della Saru e delle federazioni provinciali sudafricane.

Così, almeno, scrive il sito sudafricano rugby365 che mette anche la data di scadenza su Meyer. Dicembre 2015, quando si svolgerà il consiglio generale della Saru e quando, secondo il sito, Heyneke Meyer verrà sfiduciato. Al suo posto il candidato numero 1 dovrebbe essere Alister Coetzee (nella foto), già assistente negli Springboks tra il 2004 e il 2007, allenando anche Western Province, Stormers e, ora, i giapponesi Kobelco Steelers.

52 anni, una vita nel rugby, prima in campo come giocatore di Eastern Province e, poi, come allenatore dal 1996. Prima come assistente, sia di club sia - in due occasioni - degli Springboks con cui ha vinto i Mondiali 2007, il salto di qualità l'ha fatto tra il 2008 e il 2015 allenando Western Province e gli Stormers. Oltre che i meriti sportivi, la scelta di Coetzee sarebbe anche una scelta politica, visto che il tecnico di Grahamstown è coloured e, dunque, spegnerebbe le polemiche razziali sulle scelte degli Springboks.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail