Champions Cup: gli attacchi a Parigi e le polemiche sui calendari

Sta montando la polemica dopo il rinvio di tutti i match che si dovevano disputare in Francia durante il weekend.

Fermare le partite sul territorio francese, in segno di rispetto verso la tragedia che ha colpito Parigi, ma anche per motivi di sicurezza e ordine pubblico. Tutto normale, tutto ovvio, ma a 24 ore dalla fine del primo turno della Champions Cup sta montando la polemica attorno alle sfide rinviate dopo gli attacchi terroristici in Francia.

Polemiche innescate dalle parole del patron del Bath, cioè il club che avrebbe dovuto sfidare i campioni d'Europa del Tolone, il quale ha dichiarato che, secondo lui, la partita non si giocherà mai. Perché? Perché il calendario rugbistico europeo è già pieno, tra i campionati nazionali, le coppe europee e gli impegni internazionali - a partire dal Sei Nazioni. Insomma, non c'è spazio per recuperare i match saltati e, dunque, la World Rugby dovrebbe rivedere i calendari pensando anche all'eventualità che delle partite vengano rinviate.

Una polemica che, ovviamente, ha coinvolto l'Epcr, cioè chi dovrà trovare la data per recuperare le partite annullate nel weekend. E che, ma non è una novità, ha visto intervenire anche Mourad Boudjellal, patron proprio del Tolone. Per il magnate francese, infatti, la partita si dovrebbe recuperare durante il Sei Nazioni, con Francia e Inghilterra che - però - dovranno liberare i nazionali dei club affinché possano essere presenti.

Una proposta quantomeno balzana, visto che - parlando solo della Champions Cup - i rinvii hanno riguardato sì Tolone-Bath, ma anche sfide che vedevano affrontarsi club francesi contro club irlandesi (Ulster) e scozzesi (Glasgow), oltre che il derby tra Bordeaux e Clermont. La proposta potrebbe essere di disputare i match proprio in concomitanza con le sfide delle rispettive nazionali, in modo che tutti 'perdano' delle pedine, senza sfavorire nessuno. Trascinando, però, il recupero dei match su un mese e mezzo (l'intero Sei Nazioni).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail