Bullismo: rugbista lascia l'Accademia

Il fatto sarebbe successo nell'Accademia federale di Mogliano, dove i soprusi sarebbero stati diversi.

italia-u18.jpg

Una giovane promessa ovale, un'Accademia in cui dovrebbe crescere, ma dei compagni di corso più grandi che gli rendono quest'avventura impossibile. A raccontarlo è il Gazzettino e i fatti sarebbero accaduti nell'Accademia federale di Mogliano. Dove un ragazzo avrebbe abbandonato, tornando a casa, dopo atti di bullismo da parte dei compagni di corso.

"Come presidente, educatore, rugbista, penso sia giusto porre la questione a chi gestisce le accademie, chiedendo una verifica e un intervento" ha dichiarato il presidente del Cus Padova Roberto Zanovello, club dal quale proviene il giovane rugbista. "Nel nostro sport il compagno è fondamentale, è il sostegno indispensabile per andare sempre avanti. Se sorgono dubbi su chi ci è accanto è difficile, quasi impossibile, continuare a giocare" continua Zanovello, che teme che il ragazzo possa decidere di lasciare definitivamente il mondo ovale.

Goliardate che diventano vessazioni, atti di bullismo ripetuti dai più grandi, secondo quanti riferisce il quotidiano veneto, che hanno portato all'esasperazione il ragazzo. In Accademia vige il silenzio, con il responsabile che dice di non essere a conoscenza dei fatti raccontati, mentre Carlo Checchinato - responsabile dell'alto livello - si trincera dietro al classico "no comment".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail