Mondiali 2015: Gavazzi "Mondiale positivo"

Il presidente federale, presente a Exeter, vede un bicchiere mezzo pieno. Ma è il solo.

dichiarazioni-gavazzi.jpg

Un Mondiale positivo, da cui ripartire con ottimismo e che premia tre anni di buon lavoro federale. No, non parliamo delle dichiarazioni del numero 1 del Giappone ovale, ma sono quelle di Alfredo Gavazzi, che a Exeter sprizza ottimismo da tutti i pori.

Come riporta Repubblica.it, infatti, dopo la vittoria contro la Romania il numero 1 del rugby italiano ostenta sicurezza, con parole che - però - sembrano più indirizzate alla campagna elettorale dell'anno prossimo che alla realtà vista in campo.

"Io al nostro mondiale do una sufficienza ampia, un sei e mezzo. Bicchiere mezzo pieno e non sono gli ultimi minuti della partita a farmi cambiare idea. L'unico vero rammarico che è il match con la Francia, ci siamo trovati 18-3 per loro senza che i francesi avessero fatto niente - dichiara Gavazzi, che così smentisce quel Mondiale fallimentare visto da Gori e le parole di Brunel, che ha dichiarato "Festeggiare? Non c'è niente da festeggiare" -. Abbiamo ben lavorato in questi tre anni, ora abbiamo tre mediani di mischia di livello, Gori in testa, e quattro-cinque aperture. Avete visto i progressi che ha fatto Allan? I problemi che abbiamo, semmai, sono per un numero 4 e un estremo".

Così parlò Alfredo. E se siamo contenti di quel che si è visto in Inghilterra, allora, Houston, abbiamo più di un problema.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail