Mondiali 2015: Fiji brutte, ma basta e avanza

Si è conclusa la sfida tra i pacifici e un Uruguay più che combattivo.

mondiali-fiji-uruguay-risultato.jpg

Partenza a razzo delle Fiji, che mettono subito alle corde l'Uruguay e dopo tre minuti vanno a schiaccare all'ala, perdendo palla, ma c'è un placcaggio pericoloso e arrivano meta e giallo per l'Uruguay, per Ormaechea. Molto fallosi gli uruguaiani, con Fiji che non fatica a restare in zona d'attacco e al 9' è Kenatale a schiacciare per la seconda meta. Al 13' l'arbitro chiude gli occhi di fronte a una touche stortissima dei sudamericani, permettendo loro il primo possesso in attacco e ottengono anche un fallo. E per l'Uruguay arrivano i primi tre punti. E clamorosamente subito dopo l'Uruguay segna la sua prima meta iridata dopo 12 anni, con una bellissima azione di Arboleya che schiaccia tra i pali e il primo quarto si chiude con le Fiji avanti solo di due punti.

Le Fiji puntano sul dominio in mischia per fare la partita, ma esagerano con il gioco al largo, anche se Nadolo fa male ai difensori in celeste. L'Uruguay deve salvarsi ancora con un fallo, l'ennesimo in 25 minuti, e al 27' arriva la seconda meta tecnica, questa volta con la mischia. E allo scadere, dopo tanti errori, arriva anche la meta del bonus, finalmente costruita in puro stile figiano, con Nakarawa che chiude la pratica, che i figiani si erano complicati nel primo quarto di gioco.

La ripresa inizia con le Fiji che fanno il match, ma cercano troppo lo spettacolo e un Uruguay concreto e tranquillo può tenere botta. Così passa il tempo e le Fiji non smuovono il punteggio in un match vinto facilmente, ma che ha confermato tutti i limiti dei pacifici. E, così, la prima meta della ripresa, al 57', è dell'Uruguay. Ottima difesa, pallone perso dai figiani, contrattacco al piede, ed è Ormaechea che schiaccia per la festa uruguaiana.

Si entra nell'ultimo quarto, dunque, con l'Uruguay virtualmente in partita. A salvare le Fiji è la mischia, dove c'è solo il pack bianconero in campo. E, così, al 64' arriva la meta figiana che chiude il discorso con Cavubati. E' la meta che spacca la diga e subito dopo arriva la sesta meta figiana e una nuova rissa tra le due squadre, molto nervose. Arriva il giallo per Ma'afu e il rosso per Ormaechea. Uruguay che continua a lottare, non vuole arrendersi, dà anche spettacolo. Anche se continua anche il nervosismo da entrambe le parti, con i sudamericani 'bravi' a provocare dei figiani facili alla reazione. Al 79' arriva anche la meta di Nadolo a fissare il punteggio sul 47-15.

FIJI – URUGUAY 47-15
Martedì 6 ottobre, ore 21.00 - stadium:mk, Milton Keynes
Fiji: 15 Kini Murimurivalu, 14 Asaeli Tikoirotuma, 13 Vereniki Goneva, 12 Lepani Botia, 11 Nemani Nadolo, 10 Ben Volavola, 9 Nemia Kenatale, 8 Sakiusa Matadigo, 7 Akapusi Qera, 6 Dominiko Waqaniburotu, 5 Leone Nakarawa, 4 Apisalome Ratuniyarawa, 3 Leroy Atalifo, 2 Sunia Koto, 1 Campese Ma'afu
In panchina: 16 Viliame Veikoso, 17 Peni Ravai, 18 Taniela Koroi, 19 Tevita Cavubati, 20 Netani Talei, 21 Henry Seniloli, 22 Josh Matavesi, 23 Timoci Nagusa
Uruguay: 15 Gaston Mieres, 14 Santiago Gibernau, 13 Joaquin Prada, 12 Andres Vilaseca, 11 Rodrigo Silva, 10 Alejo Duran, 9 Agustin Ormaechea, 8 Alejandro Nieto, 7 Matias Beer, 6 Juan Manuel Gaminara, 5 Jorge Zerbino, 4 Santiago Vilaseca, 3 Mario Sagario, 2 Carlos Arboleya, 1 Alejo Corral
In panchina: 16 German Kessler, 17 Oscar Duran, 18 Mateo Sanguinetti, 19 Mathias Palomeque, 20 Franco Lamanna, 21 Juan De Freitas, 22 Jeronimo Etcheverry, 23 Francisco Bulanti
Arbitro: JP Doyle
Marcatori: 3' m.t. tr. Nadolo, 9' m. Kenatale, 14' cp. Duran, 17' m. Arboleya tr. Duran, 27' m.t. tr. Nadolo, 39' m. Nakarawa tr. Nadolo, 57' m. Ormaechea, 64' m. Cavubati tr. Nadolo, 67' m. Murimurivalu tr. Nadolo, 49' m. Nadolo tr. Nadolo
Cartellini gialli: 3' Ormaechea, 66' Ma'afu
Cartellini rossi: 66' Ormaechea

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail