Guinness Pro 12: Zebre, il presidente è Romanini

E' un outsider il nome scelto del CdA della franchigia parmigiana, dove domina (ma non ha la presidenza) la componente di Colorno.

zebre_cantoni.jpg

Il nuovo consiglio d’amministrazione delle Zebre, riunitosi ieri pomeriggio presso la sede del club alla Cittadella del Rugby di Parma, ha eletto il suo presidente e le cariche sociali. Il terzo presidente della franchigia di base a Parma è Gianluca Romanini – parmigiano classe ‘69 - mentre sono stati eletti in qualità di vice-presidenti Egidio Amoretti e Daniele Margarita.

L'elezione di Romanini, già presidente dei "Parma Old Pigs", arriva al termine di una settimana infuocata a Parma, come già avevamo raccontato i giorni scorsi. Soprattutto il mancato ingresso nel CdA di alcuni nomi storici del rugby emiliano ha evidenziato la rottura tra alcuni soci e altri all'interno della franchigia emiliana, con la sfuriata dell'ex presidente Fir, che ha visto nomi vicino a lui non eletti nel CdA.

Così, a vedere i nomi in Consiglio si nota una predominanza della componente Colorno, mentre Parma si è ritrovata suo malgrado con una rappresentanza ridotta all'osso. Anime diverse - cui si aggiunge quella più federale - che dovranno convivere nei prossimi mesi, mentre le Zebre verranno costruite - più che in campo dietro le scrivanie. E con i primi malumori che già iniziano a farsi sentire dentro il CdA, dove in tanti si sono scoperti scontenti del risultato finale.

  • shares
  • Mail