Super Rugby: Kings nel caos, Carlos Spencer sbatte la porta

Il club di Currie Cup, che l'anno prossimo dovrebbe partecipare al Super Rugby, ha problemi organizzativi e l'ex apertura degli All Blacks dice addio.

carlos-spencer.jpg

Carlo Spencer non è più l'allenatore dell'attacco e degli skills degli Eastern Province Kings, il club di Currie Cup che l'anno prossimo affiancherà le cinque franchigie attuali sudafricane nel Super Rugby allargato a 18 squadre. Un addio senza grosso clamore quello dell'ex leggenda All Blacks, con i Kings dal 2013, ma che nasconde grosse preoccupazioni in vista della prossima stagione.

Preoccupazioni sportive, con i Kings che quando parteciparono alcuni anni fa al Super Rugby furono una vera e propria squadra cuscinetto, ma soprattutto preoccupazioni organizzative ed economiche. Secondo il sito neozelandese Stuff, infatti, i Kings avrebbero problemi finanziari, con gli sponsor per la prossima stagione ancora assenti e gli stipendi dei giocatori quindi in bilico.

A ciò si aggiunga che sia lo staff tecnico sia quello dirigenziale è ancora da completare per l'esordio nel Super Rugby e si capisce che dietro all'addio di Carlos Spencer c'è ben più della volontà del coach neozelandese di vivere nuove avventure, ma - invece - ci sarebbero stipendi non pagati, come detto dal suo avvocato. Il ritorno nel Super Rugby della franchigia di Port Elizabeth si prospetta assai difficile. Per Carlos Spencer, invece, il futuro dovrebbe essere in Patria, come assistant coach di Tana Umaga agli Auckland Blues.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail