Olimpiadi 2016: Italseven, a Lisbona da turisti

Si disputa nel fine settimana il torneo europeo di ripescaggio che dà tre posti per continuare la corsa verso Rio. Italia senza chance.

rugby-7s.jpg

Ultima occasione (virtuale) per l'Italia del rugby 7s di cercare un posto per Rio 2016. A Lisbona, questo weekend, sono in palio tre posti per il torneo mondiale di ripescaggio che assegnerà l'ultimo pass per le Olimpiadi, ma l'Italseven si presenta all'appuntamento da outsider. E neppure di lusso.

Un dodicesimo e due decimi posti nelle Grand Prix Series non sono il biglietto da visita ideale per la squadra guidata da Andy Vilk che di fronte si troverà nazioni ben più preparate e motivate, partendo dalla Russia, arrivando al Belgio e passando dalla Germania e dal Portogallo, tutte nazionali ben più quotate degli azzurri. Il tutto nel disinteresse federale, che da anni ha messo il rugby 7s ai margini, gestendolo in maniera approssimativa, dilettantistica e ambigua e fregandosene del palcoscenico importante che sono le Olimpiadi.

A Lisbona, dunque, l'Italia arriva con il rischio di fare da comparsa, esserci per dovere, ma senza le potenzialità di provare a lottare per un posto sul podio che significa continuare la strada per Rio. Non per colpa dei ragazzi, mandati a far la guerra contro un nemico che imbraccia il fucile con solo le baionette a disposizione, ma per l'ennesimo fallimento di una dirigenza autoreferenziale e incapace, che non ha idea di cosa sia la gestione di uno sport moderno e professionistico.

Ma, tant'è, come detto a Lisbona ci si gioca una fetta di Olimpiadi e i protagonisti saranno altri. Nella pool A, quella degli azzurri, favorita d'obbligo la forte Russia, che dovrà stare attenta soprattutto alla Georgia, mentre azzurri e Irlanda hanno poche chance di mettere in difficoltà le più forti. Nella pool B, invece, è la Germania ad avere i favori dei pronostici, con la Lituania pericolo maggiore, mentre Romania e Lettonia sono gli outsider del gruppo. Nella pool C, infine, sfida mortale tra i padroni di casa del Portogallo e il sorprendente Belgio, che si giocheranno la leadership del girone, mentre poche speranze per Polonia e Ucraina.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail