Giornalismi: la palla è ovale? Allora scrivi rugby!

Ennesimo errore dei giornalisti italiani che non conoscono la differenza tra i vari sport con la palla ovale.

aussie-rules.jpg

"Oddio il rugby! Quello con i caschi e le protezioni". "No, signora quello è il football americano. Da noi non si usano caschi e protezioni". "Peggio!". Questa storiella è un must per gli appassionati di rugby e vuole raccontare il prototipo delle mamme italiane quando il figlio si avvia a iniziare a giocare a rugby.

Storiella simpatica, che strappa un sorriso, ma che - ahimé - diventa tragica quando si parla di giornalismo. Già, perché i colleghi italiani non sanno distinguere una palla (ovale) dall'altra. E, nel dubbio, parlano sempre di rugby. Poco importa se la notizia che danno nulla ha a che fare con il nostro sport. Se, poi, la notizia è negativa, perché porsi il problema?

Così, in passato, avevamo letto notizie di casi di doping nel rugby league, venduti dalla stampa semplicemente come "rugby". Un errore veniale, per molti, ma in un Paese come il nostro dove il termine rugby è abbinato immediatamente ed esclusivamente alla versione a XV, un errore imperdonabile.

Ma, peggio, ha fatto oggi l'agenzia di stampa AGI. Che rilancia una tragica notizia con questo titolo: "Australia: ucciso famoso allenatore di rugby, arrestato il figlio". E, in tutto il pezzo, continua a parlare di rugby. Dunque? Il problema è che il famoso allenatore si chiama Phil Walsh e allena gli Adelaide Crows (nella foto un membro della squadra ricorda Welsh con una sciarpa, ndr.). Squadra di Aussie Rules, cioè il football australiano, cioè Australian rules football, o footy. Insomma, uno sport che ha tanti nomi, ma nessuno di questi contiene la parola rugby. Ah già, la palla è ovale. E il giornalista italico scrive rugby.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail