Italrugby: Brunel "Manca l'abitudine a vincere"

Il ct azzurro fa il punto della situazione dopo due settimane di raduno a Villabassa.

mondiali-rugby-2015-italia-convocati

Ostenta tranquillità, non dà peso alla settimana persa per lo scontro azzurri-Gavazzi, ma mette i puntini sulle i. Jacques Brunel ha parlato al quotidiano locale L'Adige, facendo il punto della situazione, ma ampliando il discorso anche ai Mondiali e alla situazione del rugby italiano d'elite.

"Noi in questo abbiamo qualche difficoltà perché non abbiamo l'attitudine a vincere, sia con la nazionale sia con le franchigie. In questo senso serve un salto di qualità" dice Brunel, sottolineando l'importanza di avere in squadra Sergio Parisse, campione del Top 14 con lo Stade Français. E il ritardo nella preparazione? "I giocatori hanno lavorato bene nelle loro sedi. Non siamo in ritardo con la tabella di marcia" confida.

A proposito di salto di qualità, ha deluso l'Italia Under 20 ai Mondiali juniores, ponendo molte domande sulla qualità e la capacità di creare un bacino da cui attingere per la nazionale maggiore. C'è un problema con il rugby juniores? "Questo non è il mio compito, bisogna chiedere a chi ha queste responsabilità. Detto questo, la nazionale Under 20 è riuscita a salvarsi [...] Non era una squadra con grandi giocatori. Ci sono annate in cui va bene e altre meno, la storia lo dimostra" conclude Brunel.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail