Italrugby: tutti i dubbi per la panchina azzurra

Per il dopo Brunel si sono fatti i nomi di Conor O'Shea e Fabien Galthié. Ma entrambi si smarcano.

fabien-galthie

Chi guiderà l'Italrugby dopo l'era Brunel? Una domanda che a oggi non ha una risposta, ma soprattutto una domanda le cui risposte degli ultimi mesi appaiono errate. I due nomi più gettonati nel recente passato, infatti, sono stati quelli dell'irlandese Conor O'Shea e soprattutto quello del francese Fabien Galthiè.

Il primo, però, a inizio aprile ha dichiarato di non aver intenzione di lasciare presto la panchina degli Harlequins. "Il mio lavoro è qui e amo essere qui" le sue parole alla stampa britannica, seguita a un deciso "no" all'ipotesi di venire in Italia.

Nel numero di Midi Olympique in edicola da lunedì, però, anche l'altra opzione - Fabien Galthiè - allontana l'azzurro dal suo futuro. L'ex coach del Montpellier, alle prese con una disputa anche legale con il suo club dopo l'esonero a metà stagione, non è drastico come l'irlandese, ma lascia poche speranze. "L'ho letto, ma tra il venir contattato e l'esserlo ce ne passa" ha dichiarato il francese.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail