Galles: Cuthbert dice no al contratto centralizzato

L'ala dei Cardiff Blues ha rifiutato la proposta della Federazione. Resta in Galles o andrà in Francia?

alex-cuthbert

Niente dual contract, o contratto centralizzato, per Alex Cuthbert, ala dei Cardiff Blues e incluso da Warren Gatland nella lista di giocatori convocati per il Galles per il Sei Nazioni che inizierà il prossimo 6 febbraio. Il giocatore, infatti, ha rifiutato la proposta della Federazione gallese e, ora, l'ipotesi francese diventa più forte.

E' vero che Cuthbert ha ancora un anno di contratto con i Blues, ma ogni porta è aperta. Di sicuro la decisione del giocatore non piacerà a Gatland, che ha da un lato dichiarato che ogni giocatore ha la libertà di scegliere ciò che vuole, ma dall'altra ha evidenziato come i paletti fissati dal contratto centralizzato sono fondamentali per la nazionale.

"Non influirà sulle convocazioni, ma c'è un ovvio vantaggio per i giocatori (sotto contratto centralizzato, ndr.) in rapporto alle partite giocate. Abbiamo posto un limite di 16 match con la franchigia, più semifinali e finali, mentre adesso abbiamo giocatori che hanno già giocato 19 partite in stagione e sono stanchi".

Insomma, con l'aumento dei contratti centralizzati chi segue le 'regole' federali sarà avvantaggiato anche in nazionale. Poi, come dice Gatland, a nessuno viene fatta pressione per firmare, ma "chi firma dimostra un legame maggiore con noi".


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail