Inghilterra: Sam Burgess e quella fatica a giocare a rugby

L'ex campione di league ammette che non è facile cambiare codice e adattarsi al rugby a XV.

sam-burgess

Il sogno è riuscire a conquistare un posto nell'Inghilterra per i prossimi Mondiali di settembre, ma Sam Burgess deve ammettere che il passaggio al rugby a XV non è stato così semplice come aveva previsto. "Sapevo sarebbe stata dura, ma non avrei immaginato che fosse così duro adattarsi" ha confessato il centro di Bath, che contro i Leicester Tigers ha esordito da titolare in Premiership lo scorso weekend.

Schierato, sin qui, sia primo sia secondo centro e anche terza linea, Burgess spera di convincere Lancaster, ma sa che il suo livello attuale non è quello del campionissimo che era nel rugby a XIII. E, anzi, parla di due sport completamente diversi. "Se togli che si gioca sullo stesso campo e con la stessa palla, per il resto sono due sport diversissimi. Il modo in cui placchi nel league è differente e le occasioni di segnare sono maggiori nel league" ha concluso Burgess. Che ancora deve dimostrare se sarà un campionissimo dei due codici come Sonny Bill Williams o Israel Folau, o un flop come Benji Marshall.


Seguici su Google+

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail