Guinness Pro 12: Festa Treviso in casa delle Zebre

Si è appena conclusa a Parma la sfida tutta italiana della Celtic League di rugby.

zebre-treviso-risultato

Grande equilibrio al XXV Aprile di Parma, dove va in scena il derby azzurro tra Zebre e Benetton Treviso. Chi si aspettava un dominio delle Zebre deve ricredersi, con una Benetton ben diversa da quella vista nelle ultime uscite, mentre la franchigia federale gioca bene, ma commette troppi errori. E alla fine è la favola di Minto, che dalla paura di non poter più giocare arriva a segnare la meta decisiva nel derby.

Parte bene Treviso, che subito attacca forte, conquista una punizione, ma insiste alla mano e spreca l'occasione per portarsi in vantaggio dopo pochi secondi di gioco. La risposta delle Zebre è una bella e lunga azione che parte da una touche in attacco e, alla fine, è Venditti che al largo schiaccia in meta, con Haimona che aggiunge due punti. Sempre da touche arriva, invece, un'occasione per la Benetton, con la franchigia federale che commette fallo e questa volta Hayward va sulla piazzola e accorcia le distanze. Poco dopo, però, un fallo di Ragusi permette ad Haimona di calciare e ristabilire subito il +7. E' l'indisciplina difensiva a farla da padrona in questa fase del match e subito sono le Zebre a fare fallo in ruck e Hayward mette a segno altri tre punti. Al 18' ennesimo fallo, questa volta biancoverde, e il tabellino continua a muoversi dalla piazzola con Haimona.

Allo scadere del primo quarto di gioco si disputa la prima mischia del match e fallo veneto con Seniloli che introduce troppo tardi. Provano a insistere le Zebre, difende bene Treviso, che avvicinandosi alla mezz'ora tenta anche di contrattaccare. Alla mezz'ora colpo di scena. Maul dominante delle Zebre, ma Treviso risponde e il pallone esce a sorpresa tra le mani di Henry Seniloli che non ha opposizione e può schiacciare tra i pali per il pareggio veneto. Due buone occasioni per le Zebre poco dopo, ma prima Haimona manca i pali dalla distanza e poi non riesce l'ultimo offload a Venditti e, così, si entra negli ultimi 5 minuti del primo tempo ancora in perfetta parità. Accelerano le Zebre, ma ancora una volta una palla rubata, questa volta da Simone Ragusi, riporta in attacco la Benetton che può chiudere i primi 40 minuti nella metà campo bianconera. A tempo praticamente scaduto fallo per gli ospiti che, così, vanno al riposo avanti di tre punti. Soffre in mischia la Benetton, ma sfrutta ogni occasione avuta e chiude alla fine meritatamente in vantaggio il primo tempo.

Ferite dallo svantaggio le Zebre iniziano con cattiveria la ripresa, attaccano a testa bassa, conquistano subito una punizione e vanno in touche alla ricerca della meta. Meta che non arriva, ma arriva un altro fallo biancoverde e Haimona può impattare nuovamente il punteggio al 46'. Al 50' è di nuovo Seniloli a creare il caos nella difesa delle Zebre, placcaggio alto di Van Schalkwyk, cartellino giallo e Hayward riporta avanti gli ospiti. Tanta grinta, ma anche tanta confusione in campo e, così, tanti errori che bloccano l'avanzata delle Zebre. Al 57' vantaggio per Treviso, Ragusi calcia in area di meta, Sarto afferra l'ovale al volo e l'ala biancoverde lo abbatte in aria. Cartellino giallo per Ragusi e occasione sprecata per la Benetton.

Bella maul di Treviso allo scoccare dell'ora di gioco, ma Campagnaro non controlla l'ovale e nuova occasione sprecata per gli ospiti che stanno lasciando troppi punti sul campo di Parma. Così sono di nuovo le Zebre a buttarsi in attacco e dopo diverse folate al 69' conquistano un fallo che Haimona può piazzare per il pareggio. Ma il maori sbaglia un'occasione d'oro e Treviso sorride a 10 minuti dalla fine. E al 74' una bellissima azione corale della Benetton vede Campagnaro trovare il buco, servire Francesco Minto che regala la meta che sa di vittoria per i biancoverdi.

Vince, così, la Benetton Treviso, che archivia le prestazioni pessime con Northampton ed Edimburgo e ritrova la rabbia agonistica proprio nella sfida più sentita. Per le Zebre, invece, un ko che brucia tantissimo, con i bianconeri forse troppo sicuri di sé, ma che commettono troppi errori per poter avere la meglio dei veneti. Treviso che si porta a un solo punto dalla franchigia federale in classifica, togliendo lo zero dalla casella vittorie stagionali.

ZEBRE - BENETTON TREVISO 16-26
Domenica 28 dicembre, ore 15 - Stadio XXV Aprile, Parma
Zebre: 15 Hendrik Daniller (76' Alberto Chillon), 14 Giovanbattista Venditti (67' Giulio Toniolatti), 13 Giulio Bisegni (48' Luciano Orquera), 12 Matteo Pratichetti, 11 Leonardo Sarto, 10 Kelly Haimona, 9 Brendon Leonard, 8 Samuela Vunisa (57' Valerio Bernabò), 7 Andries Van Schalkwyk, 6 Mauro Bergamasco, 5 George Biagi (57' Marco Bortolami), 4 Quintin Geldenhuys, 3 Dario Chistolini, 2 Andrea Manici, 1 Andrea Lovotti (50' Andrea De Marchi)
Treviso: 15 Jayden Hayward, 14 Simone Ragusi, 13 Michele Campagnaro, 12 Enrico Bacchin, 11 Ludovico Nitoglia (76' Andrea Pratichetti), 10 Sam Christie, 9 Henry Seniloli (70' James Ambrosini), 8 Dean Budd, 7 Francesco Minto, 6 Marco Barbini (49' Simone Favaro), 5 Corniel Van Zyl (76' Meyer Swanepoel), 4 Antonio Pavanello (49' Marco Fuser), 3 Matteo Muccignat (49' D'arcy Rae), 2 Davide Giazzon (75' Albert Anae), 1 Matteo Zanusso (79' Jose Novak)
Arbitro: Andrew McMenemy
Marcatori: 5' m. Venditti tr. Haimona, 10' cp. Hayward, 13' cp. Haimona, 16' cp. Hayward, 18' cp. Haimona, 30' m. Seniloli tr. Hayward, 40' cp. Hayward, 46' cp. Haimona, 51' cp. Hayward, 74' m. Minto tr. Hayward
Cartellini gialli: 50' Van Schalkwyk, 59' Ragusi


Seguici su Google+

  • shares
  • Mail