Rugby & Marketing: addio IRB, nasce il World Rugby

A novembre il massimo organo internazionale di rugby cambierà nome. Una scelta di facciata, ma che avrà ripercussioni importanti.

Victor Fraile

Avevamo detto l'altro giorno che la Fira (un acronimo che ricordava quello del calcio e una nota marca sportiva, ndr.) aveva cambiato nome in Rugby Europe. Una scelta di comunicazione che, a distanza di poco, viene seguita anche dal massimo organo mondiale della palla ovale.

L'Irb, infatti, ha annunciato questa mattina che a novembre cambierà nome. Da International Rugby Board a World Rugby, un nome più diretto, chiaro e spendibile da un punto di vista di marketing e comunicazione. Un nuovo brand, un nuovo logo che verranno presentati durante l'IRB World Rugby Conference and Exhibition a Londra il prossimo 17-18 novembre.

Il re-brand non avrà impatto sulla Rugby World Cup del 2015, con il logo del torneo che rimarrà invariato per l’intero ciclo dell’evento.

“Il Rugby continua a prosperare, raggiungendo e coinvolgendo nuovi appassionati e nuovi giocatori, e l’IRB è al cuore di questa crescita” ha dichiarato il Presidente dell’IRB, Bernard Lapasset.

“Siamo determinati a far proseguire questa crescita al di là della nostra tradizionale famiglia e della nosta base di appassionati, raggiungendo un pubblico che vuole essere informato, coinvolto ed è desideroso di interagire. Questa mossa non è un semplice cambio di denominazione, ma una vera e propria dichiarazione di quella che è la nostra missione” ha aggiunto il numero uno del rugby mondiale.

Brett Gosper, Chief Executive dell’IRB, ha aggiunto: “In un affollato panorama sportivo, il ruolo dell’IRB si è evoluto da quello di regolatore a quello di ispiratore del Gioco. Per questo dobbiamo continuare a suscitare appeal in coloro che amano lo sport e la sua tradizione, attraendo ed ispirando al tempo stesso coloro che, in tutto il mondo, non hanno alcun legame con il nostro ambiente”.

“Il rugby mondiale ha, collettivamente, gli ingredienti ed i mezzi per fare tutto questo. L’appeal globale del nostro sport è basato sulla capacità di costruire i valori e forgiare il carattere e vogliamo che tutti possano sentirsi legati al nostro sport”.


Seguici su Google+

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail