Suq ovale: gli ex All Blacks pronti a cambiare nazione

La voce era partita dalla Francia e riguardava Steffon Armitage, ma ora diversi ex All Blacks sono pronti a cambiare maglia per la RWC 2015.

joe rokocoko

Ne avevamo parlato a inizio luglio, quando dalla Francia era arrivata la voce della possibilità che Steffon Armitage vestisse la maglia dei Bleus alle Olimpiadi e ai Mondiali 2015. Una questione di regolamenti Irb, cambiati ad hoc per le Olimpiadi e il rugby 7s, ma che potrebbe rivoluzionare anche il rugby a XV.

Sul funzionamento della regola potete leggere qui, mentre ora parliamo come dalle ipotesi si stia passando alla realtà. E non in Francia, ma in Nuova Zelanda, cioè la nazione dove molti All Blacks sono originari di altri Paesi, in particolare quelli delle Isole Pacifiche.

Ex All Blacks (e Wallabies) che ormai non vestono la maglia dei tuttineri (e dell'Australia) da anni e che, dunque, secondo il nuovo regolamento potrebbero cambiare maglia nel futuro prossimo. I primi nomi? Quelli di Anthony Tuitavake, Sam Tuitupou, Mark Gerrard e Sitaleki Timani, i quali sarebbero in trattativa per indossare la maglia di Tonga nelle qualificazioni olimpiche, diventando così eleggibili per la Rugby World Cup.

Poi ci sono Alando Soakai, Lifeimi Mafi, Roy Kinikinilau e Nanai-Williams che sembrano vicini a rappresentare le Samoa. Tonga sarebbe interessata anche a una vera e propria leggenda dei Wallabies, George Smith, così come al pilone dei Chiefs Ben Tameifuna. E non sarebbero i soli. Tra i big che potrebbero farci un pensierino ci sono i 'samoani' Isaia Toeava, Lelia Masaga, Rudi Wulf e Neemia Tialata, mentre per le Fiji sarebbero eleggibili Joe Rokocoko e Sitiveni Sivivatu.

Insomma, tra un anno alla Rugby World Cup 2015 potremmo ritrovare molti giocatori che abbiamo già visto con la maglia della Nuova Zelanda e dell'Australia, ma con le divise delle Isole Pacifiche. La strada del rugby mondiale verso un incontrollabile suq, dove i giocatori si vendono alle nazionali che offrono di più, è sempre più segnata.


Seguici su Google+

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail