Crisi Galles: Gatland paciere tra Wru e Regions, tregua sugli stranieri

Il ct della nazionale è riuscito a far raggiungere un accordo sull'utilizzo degli stranieri nella Guinness Pro 12.

warren gatland

Era uno dei temi che più avevano diviso la Federazione gallese dalle regions. Il numero di stranieri schierabili nelle partite della Guinness Pro 12 da parte di Ospreys, Cardiff Blues, Scarlets e Newport Dragons era una delle variabili del nuovo accordo tra WRU e RRW che divideva le parti.

La richiesta delle regions era quella di poter schierare fino a 10 stranieri (anche tutti titolari, ndr.) per ogni partita di Celtic League. Una richiesta che, di fatto, limitava a 20 i gallesi che avevano un posto garantito in squadra ogni weekend. Troppo pochi per la WRU, perché significava che in ogni turno di Pro 12 si sarebbe potuto arrivare a non schierare in campo neppure gli ipotetici 23 convocati per un match del Galles.

20 gallesi e 40 stranieri, una sproporzione che aveva scaldato gli animi tra WRU e RRW e per la quale è sceso in campo proprio Warren Gatland, il ct del Galles. Il neozelandese ha fatto da intermediario tra le parti, cercando una difficile tregua che, a quanto scrive WalesOnline, è stata trovata. L'accordo, infatti, ora parla di soli 8 stranieri al massimo in campo (proporzione che - così - diventa di 28 gallesi e 32 stranieri), con due stranieri che abbiano dichiarato la propria volontà di restare in Galles almeno tre anni, diventando così eleggibili per la nazionale.

Le regions hanno accettato l'accordo e, di conseguenza, la WRU (e lo stesso Gatland) hanno deciso di far scendere da 45 a 38 i giocatori che annualmente faranno parte del gruppo principale della nazionale, cioè i giocatori che (quasi) sicuramente verranno convocati per raduni, test match e Sei Nazioni e, dunque, non saranno sempre a disposizione dei club.

Insomma, la guerra tra Federazione e Regions continua in Galles, ma lo fa soprattutto sulla stampa e tramite comunicati. Dietro l'apparenza, invece, il dialogo continua e i risultati iniziano a vedersi. Arriverà a breve la firma del nuovo accordo?


Seguici su Google+

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail