The Rugby Championship: Springboks, bastano due minuti per vincere

Si è chiusa a Città del Capo la prima partita del weekend del torneo dell'Emisfero Sud.

trc2013_sudafrica-australia_post.jpg Basta un lungo passaggio a vuoto australiano, dal 12' al 18', per dare al Sud Africa una vittoria meritata che la tiene in corsa per la vittoria finale. Due mete in poco più di 120 secondi e si sciolgono i Wallabies, che poi non sanno rispondere allo strapotere fisico dei padroni di casa.

Un avvio dove sono i piedi a muovere il tabellino, con l'Australia che si porta avanti con Leali'ifano e Morne Steyn che nel giro di due minuti riagguanta il pareggio. Fino al 13' quando dopo un paio di sfondamenti vicino alla linea di meta è Adriaan Strauss a trovare il pertugio per la prima meta della partita. Passa un minuto e il Sud Africa colpisce ancora. Azione che parte da lontano, difesa australiana che non sa impattare, passaggio a liberarsi di Quade Cooper e Zane Kirchner che va facilmente in meta per il 17-3 al quarto d'ora. E' un monologo quello di Città del Capo e al 19' Steyn mette altri tre punti dalla distanza, con i Wallabies che sembrano già pronti ad alzare bandiera bianca dopo un solo quarto di gioco.


Cerca di reagire, almeno difensivamente, l'Australia, ma un intervento scomposto al 28' accende gli animi in campo, con un tafferuglio tra le due squadre. TMO per valutare il placcaggio di Hooper, che appare involontario come spear tackle, ma non la pensa così Garcès che ammonisce la terza linea australiana. Al 32' altro fallo e altra punizione che Morne Steyn non sbaglia. Continuano a insistere i padroni di casa, mentre si fa sempre più nervosa la partita. Non riesce a concretizzare granché il vantaggio numerico il Sud Africa e l'Australia cerca di accorciare il distacco prima dell'intervallo. E a 30 secondi dal termine Flip van der Merwe entra con il gomito su volto di Tomane e Garcès estrae un giallo che sa di arancione. Si va così negli spogliatoi con gli Springboks avanti di 20 punti, ma con un uomo in meno quando si tornerà in campo.


La ripresa non cambia il copione e nonostante l'inferiorità numerica i padroni di casa controllano in scioltezza le possibili folate australiane. I Wallabies hanno in campo Genia, ma non cambiano le opzioni offensive, mentre il Sud Africa abbassa il ritmo, capitalizzando quel break alla fine del primo quarto su cui minuto dopo minuto stanno costruendo la vittoria. Al 57' pasticcio di Jérôme Garcès che prima chiama vantaggio finito all'Australia, poi quando Habana intercetta Genia torna sui suoi passi e salva gli ospiti da una meta certa. Si chiude così l'ora di gioco con i padroni di casa tranquilli e che sembrano non essere ossessionati dal punto di bonus, mentre l'Australia prova ad avere almeno un guizzo d'orgoglio in un match che ha perso nel giro di due minuti nel primo tempo.


Guizzo che c'è al 62' con McCalman, ma l'azione australiana si spegne con un avanti, ma sono gli ospiti ora a fare il match, ma con 20 punti di ritardo. Terzo giallo, secondo per i padroni di casa, al 66', quando l'ennesimo fallo manda Vermeulen fuori per 10 minuti. Ma ad andare in meta, al 72', è il Sud Africa con le Roux e tanti saluti all'Australia. E arrivata la terza meta gli Springboks spingono per la quarta e un bonus che potrebbe portarli al match decisivo con gli All Blacks appaiati in classifica. Al 75' Timani si fa ammonire per un fallo su un suo compagno di squadra (sic!). E' un assalto finale quello dei padroni di casa, ma su un contrattacco di Kuridani dormono gli Springboks, Quade Cooper inventa un calcio dalla parte opposta del campo e Feauai-Sautia ringrazia andando in meta.


SUD AFRICA - AUSTRALIA 28-8
Sabato 28 settembre, ore 17.00 - Newlands, Città del Capo
Sud Africa: 15 Zane Kirchner, 14 Willie le Roux, 13 JJ Engelbrecht (57' Jan Serfontein), 12 Jean de Villiers, 11 Bryan Habana, 10 Morné Steyn, 9 Fourie du Preez, 8 Duane Vermeulen, 7 Willem Alberts (59' Siya Kolisi), 6 Francois Louw, 5 Flip van der Merwe (59' Juandré Kruger), 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis (67' Coenie Oosthuizen), 2 Adriaan Strauss (50' Bismarck du Plessis), 1 Tendai Mtawarira (54' Gurthrö Steenkamp).
Australia: 15 Israel Folau, 14 Adam Ashley-Cooper, 13 Tevita Kuridrani, 12 Christian Lealiifano, 11 Joe Tomane (57' Chris Feauai-Sautia), 10 Quade Cooper, 9 Nic White (41' Will Genia), 8 Ben Mowen, 7 Michael Hooper, 6 Scott Fardy (57' Ben McCalman), 5 James Horwill, 4 Rob Simmons (67' Sitaleki Timani), 3 Ben Alexander (54' Sekope Kepu), 2 Stephen Moore (67' Saia Fainga'a), 1 James Slipper (52' Benn Robinson).
Arbitro: Jérôme Garcès
Marcatori: 6' cp. Lealiifano, 8' cp. M.Steyn, 13' m. Strauss tr. M.Steyn, 15' m. Kirchner tr. M.Steyn, 19' cp. M.Steyn, 32' cp. M.Steyn, 72' m. le Roux, 78' m. Feauai-Sautia
Cartellini gialli: 28' Hooper, 40' van der Merwe, 66' Vermeulen, 75' Timani


credit image by Getty Images


RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

  • shares
  • Mail