Crisi Europa: le Federazioni alzano la voce contro la Champions

Un dirigente dell'IRFU ha negato categoricamente che i club irlandesi possano partecipare alla nuova coppa voluta da inglesi e francesi. E anche la FFR minaccia di porre il veto.

crisi_europa_federazioni_contro.jpg Fedeltà assoluta all'Erc e un no deciso alla nuova coppa anglo-francese. L'IRFU, la Federazione irlandese, chiude la porta alla nuova Rugby Champions Cup lanciata solo poche ore prima dai club inglesi e francesi. E la stessa Federazione francese si smarca dai proprio club.

Una presa di posizione forte, nata anche dalle aperture dei giorni scorsi da parte della dirigenza del Leinster. Una presa di posizione espressa da Peter Boyle, rappresentante dell'IRFU all'ERC. "La RFU e la Federazione francese hanno già confermato che non vi sarà nessun altro a organizzare coppe europee che non sia l'ERC. E' inequivocabile che di diritti tv e altri diritti si occupi l'ERC. L'IRFU è legata all'ERC e questo restringe completamente le opzioni per Leinster, Munster, Ulster e Connacht".


Non solo, ma Boyle ha sottolineato come la posizione dell'Irlanda, e in generale delle federazioni del Pro 12, fosse di dialogo, evidenziando come l'IRFU fosse d'accordo con un sistema di qualificazione più meritocratico e l'abbattimento della Heineken Cup da 24 a 20 squadre. 


Insomma, la Federazione irlandese fa muro contro la nuova manifestazione europea lanciata da Inghilterra e Francia. Ma anche dalla Francia arriva una posizione durissima da parte della FFR. Una posizione in netto contrasto con i club del Top 14 e che rischia di spaccare pesantemente il rugby transalpino.


"Nessun incontro né competizione che involva club francesi può venir organizzata al di fuori del controllo della FFR e senza il previo consenso della Federazione - si legge in una dichiarazione ufficiale -. La FFR è sempre stata e sempre sarà il principale protagonista nelle coppe europee e appoggia le proposte che permettano la continuità e lo sviluppo dei tornei all'interno dell'ERC. Se siamo a favore di un miglioramento delle coppe europee, la loro organizzazione non può non essere gestita delle federazione europee all'interno dell'ERC. Il comunicato dei club appare, quindi, irrilevante e inappropriato".


E la guerra, ormai palese, tra le Federazioni e i club si fa sempre più calda.


credit image by Getty Images


RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

  • shares
  • Mail