Rugby Seven: Italia 7s quarta, si va a Hong Kong!

Nella prima giornata del torneo di Bucarest ottimo risultato per gli azzurri

ItaliaSeven2013_bucarest_novilk.jpg L'Italseven è in Romania per la seconda tappa delle Series europee di rugby a sette. Un momento, sulla carta, importante per una squadra che fatica a trovare i giusti spazi e le giuste attenzioni e che vede l'avventura olimpica sempre più lontana. E in campo si sono fatti valere.

Nella seconda tappa delle Grand Prix Series Fira, nella fase a gironi, gli azzurri hanno saputo chiudere al secondo posto, dietro solo all'Inghilterra. Per l'Italseven, infatti, sono arrivate le vittorie su Portogallo (17-19), Georgia (14-5) e Galles (20-12), mentre sono stati sconfitti dall'Inghilterra (19-0) e Romania (21-14). E oggi si giocheranno il titolo.


Conquistata la qualificazione alle Irb World Series, per la tappa ad Hong Kong, però, gli azzurri sono rimasti ai piedi del podio del torneo di Bucarest: battuti in semifinale di Cup dalla Francia per 21-0, nella finale per il terzo-quarto posto sono stati superati anche dalla Russia – a sua volta qualificata ad Hong Kong in virtù del piazzamento ottenuto all’Arcul de Triumf – con un netto 31-7.


“L’accesso ad Hong Kong è un risultato che ci ripaga del lavoro svolto in questa prima fase di stagione - ha dichiarato il manager azzurro, Orazio Arancio - e voglio congratularmi con i ragazzi che, in una situazione non semplice e contro avversari di valore, hanno saputo fare quadrato e mettere in campo un rugby di qualitá. Dedichiamo questa qualificazione all’allenatore Fabio Gaetaniello, rimasto a casa per un’infezione polmonare ed a cui auguriamo una pronta guarigione, ed al nostro coordinatore e consulente tecnico Andy Vilk: quanto hanno portato alla squadra in questi mesi sta iniziando a dare frutti. Peccato per il quarto posto, abbiamo mostrato segnali di crescita e avremmo potuto ambire ad un podio finale”.

Era scoppiata, riportato anche qui, una polemica per l'assenza di Andy Vilk, in campo con il Calvisano e non sulla panchina azzurra. Ma oggi la Fir ha rettificato, spiegando (non si era capito negli ultimi mesi, ndr.) che Vilk non è l'head coach, ma un consulente esterno. Coach è Fabio Gaetaniello, assente a Bucarest per malattia.


RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: