The Rugby Championship: gli Springboks volano su Brisbane

Si è conclusa a Brisbane la terza giornata del torneo dell'Emisfero Sud.

trc2013_australia-sudafrica_post.jpg Un dominio totale in mischia, una difesa che blocca le velleitarie folate australiane, più belle da vedere che concrete, tanto nervosismo e un match che vive sul filo dell'equilibrio fino alla fine. Ma tanto basta agli Springboks per espugnare Brisbane e restare col fiato sul collo degli All Blacks.

Inizia meglio il Sud Africa che sfrutta i primi errori dell'Australia, spinge con gli uomini pesanti e dopo 5 minuti supera la linea di meta con Oosthuizen, entrato temporaneamente per sangue. L'Australia risponde con una bellissima azione di Cooper e Folau, e all'ottavo minuto Willem Alberts blocca volontariamente l'ovale, viene ammonito e i padroni di casa possono tornare sotto con il risultato. Padroni di casa che perdono troppe palle e al 13' Morne Steyn può riportare a più sette i suoi giocatori. Australia che gioca molto alla mano, ma errori da un lato e dall'altro che fanno cambiare possesso in continuazione, aprendo pericolosi varchi nelle difese.


Al 22' fallo in ruck del Sud Africa e Lealiifano avvicina di nuovo i suoi agli Springboks, anche se l'Australia continua a faticare a concretizzare la mole di gioco che produce. Ospiti che, però, dominano nelle situazioni di gioco fermo e guadagnano terreno sul campo da gioco. Non sfondano, ma obbligano i padroni di casa al fallo e al 28' è ancora Morne Steyn a puntare i pali. Soffre la mischia wallabie ed è ancora Steyn a muovere il tabellino al 35', portando il Sud Africa oltre break. Un fallo abbastanza stupido di du Plessis dà ai padroni di casa l'occasione per andare a puntare alla meta, ma ancora una volta la difesa springbok ha la meglio. A tempo scaduto ultima chance dalla piazzola per Steyn, che sbaglia, e Sud Africa che conclude con un +10 il primo tempo, dove gli ospiti hanno sfruttato il proprio gioco ruvido per avere la meglio su un'Australia ancora una volta spettacolare ma troppo leggera.


Forte pressione australiana a inizio ripresa, con Cooper e compagni che vogliono subito rientrare in un match che rischia di sfuggire loro di mano. Un fallo sudafricano manda Lealiifano sulla piazzola e Wallabies che tornano a una meta di distanza dagli Springboks. Al 49' Hooper fa uno spear tackle su Bryan Habana e va fuori dieci minuti, mettendo nei guai un'Australia che già soffre in mischia, oltre a portare a +10 gli ospiti. Partita che si innervosisce e subito dopo è van der Merwe a commettere un brutto fallo e Australia di nuovo a -7. Ancora bellissimi gli australiani palla in mano, con Folau, Cooper e Ashley-Cooper che danno spettacolo, ma finiscono sempre per perdere l'ovale al momento decisivo. E allo scadere dell'ora di gioco De Villiers mette la parola fine al match, con un'azione partita da Habana, che scatta veloce, poi calcio e palla che arriva al capitano che va in meta.


Il Sud Africa entra così nell'ultimo quarto con la maggior sicurezza di chi ha ben più di una meta da difendere, mentre l'Australia è obbligata a inventare qualcosa che non appare nelle proprie corde, cioè avere un gioco meno leggero e più concreto. E, così, a marcare la meta è ancora il Sud Africa, che lancia i suoi trequarti dopo aver dominato in mischia per un'ora ed è Kirchner a schiacciare. Giro d'orologio, errore di Cooper e le Roux dà il bonus agli Springboks che ora umiliano l'Australia con tre mete in dieci minuti. Volano in vetta alla classifica, dunque, i sudafricani che ora andranno in Nuova Zelanda, mentre per Ewen McKenzie arriva la terza sconfitta, con un'Australia troppo leggera per questi livelli.


AUSTRALIA - SUD AFRICA 12-38
Sabato 7 settembre, ore 12.05 - Suncorp Stadium, Brisbane
Australia: 15 Israel Folau, 14 Nick Cummins, 13 Adam-Ashley Cooper, 12 Christian Lealiifano, 11 James O'Connor, 10 Quade Cooper, 9 Will Genia (70' Nic White), 8 Ben Mowen (70' Ben McCalman), 7 Michael Hooper, 6 Scott Fardy, 5 James Horwill, 4 Rob Simmons (30' Ben McCalman, 41' Rob Simmons), 3 Sekope Kepu (47' Ben Alexander), 2 Stephen Moore, 1 James Slipper (68' Scott Sio).
In panchina: 16 Saia Faingaa, 17 Scott Sio, 18 Ben Alexander, 19 Ben McCalman, 20 Jake Schatz, 21 Nic White, 22 Matt Toomua, 23 Jesse Mogg.
Sud Africa: 15 Zane Kirchner, 14 Willie le Roux, 13 JJ Engelbrecht, 12 Jean de Villiers (72' Jan Serfontein), 11 Bryan Habana, 10 Morné Steyn (71' Pat Lambie), 9 Ruan Pienaar, 8 Duane Vermeulen, 7 Willem Alberts, 6 Francois Louw (72' Siya Kolisi), 5 Flip van der Merwe (56' Juandré Kruger), 4 Eben Etzebeth, 3 Jannie du Plessis (2' Coenie Oosthuizen, 9' Jannie du Plessis, 65' Coenie Oosthuizen), 2 Bismarck du Plessis (56' Adriaan Strauss), 1 Tendai Mtawarira (56' Gurthrö Steenkamp).
In panchina: 16 Adriaan Strauss, 17 Gurthrö Steenkamp, 18 Coenie Oosthuizen, 19 Juandré Kruger, 20 Siya Kolisi, 21 Jano Vermaak, 22 Pat Lambie, 23 Jan Serfontein. 
Arbitro: George Clancy  


 


credit image by Getty Images


RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter @Google+

  • shares
  • Mail