Rugby & Soldi: non tutto il mondo è Paese

La società veneta rinuncia all'iscrizione alla Serie A, per evitare di fare debiti.

rugby_paese-serieb.jpg Fare il passo più lungo della gamba. Giocare con la professionalità altrui, illudendo dipendenti e tifosi, falsando il gioco usando i soldi del Monopoli. Insomma, una realtà che si vede troppo spesso in Italia, quando si parla di rugby. Perché pochi hanno l'onestà intellettuale di fare un passo indietro. Come ha fatto Paese.

Ne avevamo già parlato un po' di tempo fa, ora arriva la conferma. Sulle pagine del Gazzettino, infatti, si legge oggi che l'Asd Rugby Paese chiederà alla Federugby l'iscrizione al campionato di serie B per la prossima stagione, rinunciando alla Serie A. Il motivo? Costi troppo alti per le casse della società, impegnata con le squadre giovanili e che - dopo essersi confrontata con gli sponsor - ha deciso di fare un passo indietro.


Paese, infatti, non ha contratto debiti, ha una situazione economica solida, ma i costi di gestione di una squadra di Serie A (trasferte lontane in primis) rischierebbero di cambiare questa realtà. Certo, ripeto, si poteva continuare a volare alti, contrarre debiti, magari non pagare qualche stipendio e poi fare la faccia shoccata, quando si scopre di aver mandato tutto a carte quarantotto. Altri lo hanno fatto, e lo fanno. Ma a Paese no. "Siamo veramente dispiaciuti - le parole del presidente Paolo Pavin al Gazzettino - di avere preso questa decisione, sia per il pubblico che ci ha seguito in questa bellissima stagione ma soprattutto per i tecnici e i giocatori che sul campo hanno dimostrato grande spirito di squadra, riconoscenza verso la società, comportamenti e disponibilità veramente esemplari che hanno portato a un risultato estremamente positivo sia sotto l'aspetto del gioco che della posizione in classifica".


Insomma, Paese riparte dalla Serie B. Un passo indietro, ma un esempio. Che troppi fanno finta di non vedere.


RUGBY 1823 è anche su @Facebook @Twitter e @Google +

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: