Mondiali Under 20: Italia, è retrocessione!

Si è conclusa la Junior World Championship dell'Italia di Craig Green.

Immagine di anteprima per Immagine di anteprima per jwc2012_ita_xv_sa.jpgTanta paura e poco spettacolo in campo nel match tra Italia e Fiji che vale la permanenza nell'elite del rugby juniores. E, alla fine, una sconfitta che significa retrocessione per gli azzurrini. Un fallimento meritato alla fine di un brutto mondiale.

Iniziano bene le Fiji che prima provano un drop incredibile da 60 metri, poi grazie all'indisciplina azzurra nei primi 10 minuti mettono a segno due piazzati che portano i pacifici in vantaggio sul 6-0. L'Italia fatica e nel primo quarto d'ora gli azzurrini non riescono a costruire molto, soffrendo la fisicità figiana.


Si deve arrivare al 22' prima che Apperley riesca a piazzare i primi punti azzurri sul tabellino, alla fine di dieci minuti in cui l'Italia cresce, piano, ma cresce. Un minuto e Bisegni intercetta ottimamente l'ovale e corre fin sotto i pali per la meta del sorpasso azzurro. Con la trasformazione si va sul 10-6 al 25'. L'Italia però non riesce a imporre il gioco e dopo aver sofferto a lungo al 36' arriva la meta figiana che riporta i pacifici avanti. E il fine del primo tempo vede i figiani dominare e marcare altri tre punti che fissano il punteggio sul 10-16 per i pacifici.


La ripresa inizia con la Fiji in attacco e l'Italia che si conferma paurosa quando si tratta di difendere aggressivamente. Così si soffre, mentre gli avversari cercano di chiudere il match. Passano così dieci minuti prima che gli azzurrini riescano a ridurre la pressione figiana e portarsi nella metà campo avversaria. L'Italia però non riesce a concretizzare e gli azzurrini continuano a inseguire. Così quando si arriva quasi all'ora di gioco sono le Fiji a portarsi a pochi metri dall'area di meta, con gli azzurrini in sofferenza sempre più estrema, mentre passano i minuti.


Ma gli azzurri commettono troppi errori e concedono sempre l'ovale alle Fiji. L'Italia è tutta difesa, ma non sembra in grado di conquistare i metri necessari per cercare i punti del sorpasso. Così a dieci minuti dal termine arriva il colpo che rischia di essere del ko. Un piazzato che porta le Fiji oltre break e che rischia di condannare l'Italia alla - effettivamente meritata - retrocessione. A cinque minuti dal termine, però, una meta di mischia riapre i giochi. L'Italia va a -2 con cinque minuti da giocare. L'ultima azione si infrange, però, contro un muro azzurro e l'Italia retrocede alla fine di un match equilibrato, ma che non basta.


Italia v Fiji 17-19
Italia: Padovani; Morsellino, Bisegni (20' st. Benvenuti G.), Bettin, Odiete; Apperley, Violi (22' st. Calabrese); Marazzi, Conforti, Salvetti (33' st. Riccioli); Zdrilich (1' st. Mammana), Ferro; Ceccarelli (32' pt.-15' st. Bortoletti), Conti (32' pt. Drissi-Panico, 14' st. Scalvi), Maistri (cap)
Fiji: Vuibau; Kerevi J., Galala (21' st. Seruvalu), Kerevi S., Lea (31' st. Ratukove); Mocelutu (21' st. Gavidi), Cavuilati; Simolo, Baivatu (19' st. Nawaqa), Ratumuri; Raikabula, Macu (33' st. Kaitoga); Tivitivi (33' st. Kell), Sassen (33' st. Qadrodro), Hodgman (cap)
arb. Hodges (Galles)
Marcatori: p.t. 5' cp. Vuibau (0-3); 8' cp. Vuibau (0-6); 21' cp. Apperley (3-6); 23' m. Bisegni tr. Apperley (10-6); 35' m. Galala tr. Vuibau (10-13); 38' cp. Vuibau (10-16); s.t. 29' cp. Baivau (10-19); 34' m. Maistri tr. Apperley (17-19)

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO