Affari italiani: Federazione più ricca e franchigia a Parma

Sulle pagine de Il Gazzettino Giancarlo Dondi parla di politica internazionale e di affari celtici.

dondi_gazzettino_4_giugno.jpg Un premio di 10 milioni di euro, frutto anche e soprattutto dell'appoggio politico dato a Bernard Lapasset alle ultime elezioni Irb, e la scelta definitiva di Parma come sede della franchigia federale. Sulle pagine de Il Gazzettino il presidente Dondi fa il punto.

"Come gli Ali Blacks - spiega il presidente della Fir Giancarlo Dondi parlando dei soldi che riceverà per i Mondiali 2015 -. L'abbiamo stabilito nella riunione a maggio dell'Irb. Dovremmo incassare circa 7 milioni di sterline, oltre 10 milioni di euro. Il doppio di quanto ottenuto dai Mondiali in Nuova Zelanda". E a conferma di come Dondi abbia scelto il cavallo vincente votando Lapasset, anche il ruolo che avrà nelle prossime settimane in cui l'Italia sarà nelle Americhe "Andrò dai canadesi, che non avevano votato per noi" le sue parole.


Dal ruolo internazionale a quello più terra terra di casa nostra, il presidente Dondi fa a Ivan Malfatto il punto sulla questione celtica "Abbiamo inviato il progetto al board del Prol2, attendiamo il loro via libera per ufficializzarlo, spero arrivi a giorni - le parole del presidente, che però poi si lascia andare a una confidenza -. Lo stadio di Moletolo ha già 4.500 posti: 3mila fissi, 1500 con le tribune mobili portate dal Flaminio. Coi lavori arriverà a 5.500. Il tecnico del Comune mi ha detto che inizieranno oggi e durare 2-3 mesi". Insomma, la franchigia federale sarà targata Parma. Punto. 


RUGBY 1823 è anche su Facebook


RUGBY 1823 è anche su Twitter

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO