Rugby & Storia: un collezionista riscrive la nascita dell'ovale in Italia

A differenza di ciò che è stato tramandato sino a oggi, la prima partita di rugby in Italia venne disputata dal Club Servette di Ginevra e dallo Sporting Club Universitarie de France nel 1910.

sporting_club_universitaire_de_france_1910.jpg Riscrivere la storia, dalle sue origini. Cambiare un particolare che potrebbe apparire insignificante, ma che regala una chicca con cui correggere i libri del passato. A regalarcela è Luca Raviele, collezionista di cimeli ovali, fondatore del Museo del rugby, e organizzatore della mostra che ha accompagnato l'Europeo Femminile a Rovereto nelle scorse settimane.

Luca, che ringrazio per la segnalazione, ha, infatti, riscritto la genesi del rugby in Italia. La storia che ci era stata tramandata, e che si può trovare negli scritti di colleghi e scrittori come Luciano Ravagnani, Pierluigi Fadda o Francesco Volpe, raccontava del primo match disputato sul territorio italiano come la sfida tra il Racing Parigi e il Club Servette di Ginevra a Torino.


Luca Raviele, invece, tra i suoi memorabilia - che, per inciso, da malato di cimeli invidio in maniera spudorata! - ha scovato un numero de La Stampa Sportiva dell'epoca che cambia le carte in tavola. Non di molto, certo, ma quel che basta per riscrivere la storia. A Torino, infatti, giocarono nella primavera del 1910 gli svizzeri del Servette, ma loro avversari furono i ragazzi dello Sporting Club Universitarie de France.


A testimonianza, come potete vedere nell'immagine sopra, ecco la formazione della squadra francese annunciata sulle pagine del giornale e, come si può ben leggere, a "giuocare" a Torino fu lo Sporting Club Universitaire de France e non, come credevamo, il Racing Parigi.


Lo Sporting Club, meglio conosciuto come SCUF, è una società polisportiva tutt'ora esistente, ma la cui nascita risale al 5 dicembre 1895 per mano di Charles Brennus e nasce come equipe di rugby. Brennus, il cui vero nome era Brennus Ambriorix Crosnier, per chi mastica un po' di rugby transalpino altri non è che colui che ha creato e cui è intitolato il trofeo del campionato francese di rugby. Trofeo creato da Brennus, ma il cui disegno è di un altro personaggio che ha scritto la storia dello sport, il barone Pierre de Coubertin.


RUGBY 1823 è anche su Facebook


RUGBY 1823 è anche su Twitter

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO