Affari italiani: la Fir espelle gli Aironi e si fa la franchigia federale

Il Consiglio Federale, riunitosi oggi a Parma, ha deciso di non assegnare al Rugby Viadana la licenza celtica, ma di portare avanti una squadra completamente federale.

Immagine di anteprima per Immagine di anteprima per Immagine di anteprima per Immagine di anteprima per Immagine di anteprima per Immagine di anteprima per dondi_minaccia_franchigie.jpgLe voci hanno iniziato a rincorrersi fin dall'ora di pranzo, le conferme sono lentamente arrivate, anche se manca l'ufficialità. Non vi sarà, infatti, alcun comunicato della Federazione Italiana Rugby. Ma le certezze, non confermate dagli ambienti federali ma da altri protagonisti, parlano della candidatura di Viadana per un Aironi 2 bocciata e di Giancarlo Dondi che ha scelto la franchigia federale.

A questo punto, nascono subito diversi quesiti. Dove giocherà la nuova squadra, visto che Viadana è l'unica realtà, con Treviso, ad avere uno stadio a norma Celtic League? L'abboccamento di Calvisano delle scorse settimane, con il consigliere federale Alfredo Gavazzi che aveva proposto il club bresciano come club d'appoggio per la franchigia federale diverrà realtà?


I giocatori saranno messi direttamente sotto contratto con la Fir? Come reagirà la Benetton Treviso a questa concorrenza, diciamo, atipica? La franchigia federale sarà, come promesso da Dondi tempo fa, temporanea aspettando qualche nuovo candidato, o sarà il presente e il futuro celtico? E cosa succederà ora con la questione fidejussioni degli Aironi e gli arretrati da saldare?


Insomma, il Consiglio Federale di oggi ha preso una decisione. Ma la questione celtica è tutt'altro che chiusa e ci aspetta un'estate caldissima.

  • shares
  • +1
  • Mail
51 commenti Aggiorna
Ordina: