Super 15: Sud Africa rassegnato, dovrà rinunciare a una squadra

La nascita della sesta franchigia sudafricana, i Southern Kings, obbligherà la Saru a una scelta difficile.

Immagine di anteprima per southern-kings-logo.jpgAlla fine hanno dovuto accettare la realtà dei fatti. I sudafricani, infatti, avevano chiesto negli ultimi mesi di aumentare il numero di club partecipanti al Super Rugby, permettendo loro di inserire nel lotto i Southern Kings, la nuova franchigia con sede a Port Elizabeth.

Questioni sportive, ma soprattutto politiche e ancora di più economiche, però hanno fatto porre il veto da parte della Sanzar, con Nuova Zelanda e Australia a dire no all'ipotesi di un allargamento del torneo. Quindi, se il Sud Africa vuole i Southern Kings dovrà rinunciare a una delle altre cinque squadre.


Una questione spinosa, visto che i club sudafricani avevano accettato la nuova arrivata a condizione che non intaccasse l'attuale status quo. Ma ora le cose sono cambiate e la Federazione sudafricana dovrà decidere cosa fare. Rinunciare ai Southern Kings, retrocedere una delle franchigie attuali o fonderne due assieme.


Partiamo dall'ultima ipotesi. In Sud Africa si parla di fondere i Lions e i Cheetahs in un'unica realtà, che però limiterebbe entrambe le realtà e non trova un grande entusiasmo nel movimento sudafricano.


L'altra possibilità è che la peggiore sudafricana alla fine dell'attuale stagione venga retrocessa, attualmente i Lions. Un'ipotesi che aveva visto tutti i club minacciare di boicottare la prossima stagione di Super 15, anche se queste voci sono state poi smentite. Ma retrocedere un club sarebbe devastante per chi scomparirà e sarebbe duro da digerire.


L'ultima ipotesi è di rinunciare ai Southern Kings e lasciare tutto come è oggi. Ipotesi che, però, è quella che la Saru non prende neppure in considerazione, più per motivi politici che altro. I Southerns Kings, infatti, hanno sede a Port Elizabeth, cioé una delle zone a più alta densità coloured del Paese e dovrebbe divenire il club di riferimento per la popolazione di colore. Una scelta politica, dunque, cui il governo ovale sudafricano non vuole rinunciare.


Una decisione dovrebbe venir presa il prossimo 13 luglio, durante il

  • shares
  • +1
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: