Affari italiani: Aironi 2, ora la licenza è a rischio

L'addio di Colorno lascia Viadana isolata e ora la conferma della RaboDirect Pro 12 è in bilico.

melegari_cantoni.jpg Arriverà la licenza a Viadana sabato prossimo? Quella che sembrava una formalità fino a pochi giorni fa - più per assenza di alternative che per la reale convinzione della Fir - ora sembra una montagna difficile da scalare da parte di Silvano Melegari. L'addio di Colorno, annunciato ieri sera, rimescola infatti le carte in tavola.

Sulla Gazzetta di Mantova di oggi parlano i due protagonisti della vicenda. Stefano Cantoni, sponda Colorno, e Silvano Melegari. Il primo conferma quanto scritto ieri, cioé che il club parmigiano è più interessato all'avventura Crociati che a quella Aironi e che - come evidenziato ieri - non ci sono i dindi per entrambi i matrimoni.


"Proseguire in due società per noi è troppo - spiega Stefano Cantoni -. Siamo una piccola società e siamo andati oltre il nostro compito. Il progetto di franchigia iniziale è venuto meno e sin da fine 2011 ho detto che restare in due era difficile. Il Consiglio del Colorno ha quindi deciso di fermarsi". Toh, era da fine 2011 che Colorno meditava l'addio... e da marzo che era ormai in orbita Crociati.


Cade, invece, ancora una volta dalle nuvole e si affida alla speranza Silvano Melegari. "Al di là del preannuncio fattomi lunedì, sono stupito dell'indisponibilità perché è un anno e mezzo che andiamo avanti in due. Comunque, se la Fir sabato darà l'ok, andremo avanti come club lombardo mentre ricordo che sto ancora attendendo che Noceto, Parma e Gran Parma onorino gli impegni pregressi".


Senza Colorno, però, Viadana perde un'importante sponda nei confronti della Fir e rischia di trovarsi con un pugno di mosche sabato. 

  • shares
  • +1
  • Mail
95 commenti Aggiorna
Ordina: