Heineken Cup: Treviso sconfitta, ma grande

Finisce a Monigo l'avventura europea della Benetton Treviso e finisce con una grande prestazione del XV di Franco Smith contro i campioni d'Inghilterra dei Saracens.

heineken_2012_treviso-saracens_post.jpg Doveva essere la passerella finale che accompagnava i Saracens ai quarti di finale e dava l'addio a Treviso in Europa. Ma la battaglia di Monigo (foto Elena Barbini) è stata ben altro, con la Benetton che lotta, gioca bene e spaventa gli inglesi, portandoli a un passo dall'eliminazione.

Inizia bene il Treviso che nei primi minuti di gioco fa la partita nella metà campo inglese, anche se è un attacco sterile che non porta punti sul tabellone. Alla prima occasione, però, i Saracens fanno subito male, conquistano spazio nel campo e ottengono una punizione che non piazzano, ma vanno subito per il bottino grosso. Nonostante non vadano a punti, ora sono i Saracens a fare il match e a stringere in difesa la Benetton. Si arriva al 10' quando Owen Farrell va per i pali e porta avanti gli inglesi. La reazione dei padroni di casa è immediata e veemente. Azione un po' confusa, ma buona di Treviso e Robert Barbieri va di cattiveria oltre la linea di meta. Dura tre minuti il vantaggio veneto. Un nuovo fallo, una touche nei 22, un'azione costruita partendo dalla maul e poi che si muove fino ad arrivare tra i pali, dove Botha va dentro e manda a 10 punti i Sarries.


Il secondo quarto manda Iannone in meta. Treviso gioca bene, a viso aperto, sfrutta un grande Robert Barbieri che buca la difesa e, infine, l'ovale va al largo dove il giovane Iannone corre sul filo dell'out per il nuovo vantaggio dei padroni di casa. Si esalta Monigo che spinge i bluargentati dopo la seconda meta. Guadagna una punizione in mischia e anche Treviso decide di sfidare gli inglesi senza andare per i pali. Pali che poco dopo trova Burton con un drop che manda Treviso a +7. E' un bel Treviso che ha in Barbieri, Ghiraldini e un ritrovato Burton le armi in più con cui riescono a mettere sotto i Saracens mentre si supera la mezz'ora del primo tempo. E gli inglesi perdono anche Borthwick e Brown, mentre Treviso deve fare a meno di Pavanello per alcuni minuti per sangue. Infortunio anche per Alain Rolland e cambio anche nella terna arbitrale. Subisce, ora, Treviso in mischia e al 37' i Saracens possono riavvicinarsi dopo un fallo del pack veneto e Farrell non sbaglia da posizione centrale. Ultimi minuti del primo tempo con i Sarries che spingono e mettono sotto pressione la Benetton che cerca di far passare il tempo e chiudere i primi 40' in vantaggio. E così finisce, con una ottima Treviso che così va negli spogliatoi in vantaggio, diventando sempre più ago della bilancia nella corsa ai quarti di finale.


Inizia, invece, malissimo la ripresa per Treviso. Palla nei propri 22, Botes che calcia in bocca agli avversari, Strettle prende l'ovale e la meta è troppo facile. Treviso non subisce però il contraccolpo e si riporta in attacco, subisce fallo e Burton impatta il risultato quando siamo al 47'. Due giri d'orologio e Farrell riporta avanti i Saracens. Inglesi che ora accelerano per chiudere un match decisivo, Treviso rischia, si salva una prima volta, si salva una seconda ancora grazie a Barbieri e poi Nitoglia riporta con un'ottima corsa su i veneti. Veneti che mancano un'occasione d'oro quando Pavanello supera la linea, ma Stringer lo tiene alto.


Un nuovo fallo a inizio dell'ultimo quarto porta i Saracens al primo piccolo break del match, con gli inglesi che vanno a +6 grazie al piede di Owen Farrell. Nel frattempo da Biarritz arriva la notizia del punto di bonus conquistato dai francesi. Un risultato che obbliga i Saracens a non rischiare nulla, perché una sconfitta senza bonus significa quasi certa eliminazione. E, infatti, ora gli ospiti iniziano a comandare il ritmo del match, mentre Treviso fatica a uscire dall'angolo. Veneti che appaiono stanchi, ma che resistono con la difesa e rimangono attaccati al match. Treviso vuole chiudere in attacco, vuole la vittoria e chiudere alla grande la sua annata in Heineken Cup. Ma la benzina è finita da entrambe le parti e gli ultimi minuti sono più confusi e nervosi, con nessuna delle due squadre che appare in grado di esibire l'acuto finale. L'ultima occasione, a tempo scaduto, è per Treviso, ma si infrange contro difesa inglese. Vincono e si qualificano, dunque, i Saracens, ma Treviso saluta il suo pubblico alla fine di una grandissima prova per 80' contro i campioni d'Inghilterra che avevano molto di più da chiedere a questa partita. E buonissime notizie per l'Italia con la ottima prestazione di Barbieri, Ghiraldini e di un ritrovato Burton.


BENETTON TREVISO - SARACENS 20-26
Domenica 22 gennaio, ore 14.00 - Stadio Monigo, Treviso
Treviso: 15 Ludovico Nitoglia, 14 Tommaso Iannone (76' Alberto Di Bernardo), 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi, 11 Brendan Williams, 10 Kristopher Burton, 9 Tobias Botes (58' Fabio Semenzato), 8 Robert Barbieri (61' Marco Filippucci), 7 Alessandro Zanni, 6 Benjamin Vermaak (68' Gonzalo Padrò), 5 Cornelius van Zyl, 4 Antonio Pavanello (29' Gonzalo Padrò 36' Antonio Pavanello), 3 Lorenzo Cittadini, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Michele Rizzo.
Saracens: 15 Alex Goode, 14 David Strettle, 13 Owen Farrell, 12 Brad Barritt, 11 James Short (51' Chris Wyles), 10 Charlie Hodgson, 9 Peter Stringer (73' Ben Spencer), 8 Jackson Wray, 7 Andy Saull, 6 Kelly Brown (33' Justin Melck), 5 Mouritz Botha, 4 Steve Borthwick (33' Hayden Smith), 3 Carlos Nieto (46' Rhys Gill), 2 John Smit (61' Jamie George), 1 Matt Stevens.
Arbitro: Alain Rolland (Ireland)
Marcatori: 11' cp. Farrell, 13' m. Barbieri tr. Burton, 17' m. Botha tr. Farrell, 21' m. Iannone tr. Burton, 26' dr. Burton, 38' cp. Farrell, 41' m. Strettle tr. Farrell, 47' cp. Burton, 49' cp. Farrell, 63' cp. Farrell

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE SPORT DI BLOGO