Sei Nazioni: l'Inghilterra pronta ad abbandonare Twickenham

Via da Londra, direzione nord. La Federazione inglese sta valutando la possibilità di disputare le partite casalinghe del Sei Nazioni, dal 2013, nel nord del Paese dicendo addio a Twickenham.

anfield_road.jpg
Potrebbe cadere a breve un tabù della palla ovale. Le partite casalinghe dell'Inghilterra nel Sei Nazioni giocate lontano da Twickenham e da Londra, dalla capitale. A valutare questa opzione è la RFU che vuole far crescere gli appassionati di rugby union nel nord del Paese in vista della Rugby World Cup 2015.

Le voci che giungono da Oltremanica parlano della volontà da parte della Federazione inglese di spostare le sfide dell'RBS Six Nations 2013 lontano da Londra e da Twickenham. Una scelta che potrebbe venir anticipata fin dai test match autunnali dell'anno prossimo.


La RFU utilizzerà, infatti, quattro stadi di calcio presenti nel nord dell'Inghilterra -Anfield, St James' Park, Old Trafford e Elland Road - nel 2015 e vuole anticipare la Rugby World Cup portando il grande rugby in quelle regioni dove il calcio e il rugby league la fanno da padrona. 


Una scelta, che però non sarà facile. I contratti già firmati con il Board dell'RBS Six Nations e gli accordi commerciali impedirebbero di spostare le sfide del più importante Torneo continentale lontano da Twickenham e da Londra. Ma una politica che ampli i confini "naturali" della palla ovale, che faccia crescere il numero di appassionati, tesserati e faccia diventare più nazionale uno sport necessita di far girare la nazionale per tutto il Paese.


Una scelta che piace a molti, come al big boss degli Harlequins, che fa notare come l'ultima volta che l'Inghilterra ha giocato una sfida importante al nord è stato nel 1997, contro gli All Blacks. E una scelta che potrebbe rivoluzionare la geografia ovale dell'Inghilterra e non solo.


Perché se in Inghilterra il problema è il nord, in Italia per esempio esiste da tempo una questione meridionale nel rugby. Accentrare tutto il rugby che conta in una sola città è sbagliato e l'esempio inglese dev'essere una pietra miliare per evitare di commettere - come già accaduto in passato - ancora una volta questo errore altrove. A partire dai test match di novembre.


  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: