Mondiali rugby 2011: McCaw incredulo "Rougerie andava squalificato"

Il capitano della Nuova Zelanda parla per la prima volta dell'eye gouging subito da parte di Aurelien Rougerie durante la finalissima della Rugby World Cup 2011. E non placa di certo le polemiche.

mccaw-rougerie-gouging.jpg
E' stato zitto oltre un mese, si è goduto la vittoria della Rugby World Cup evitando polemiche, ma alla fine non ce l'ha fatta a stare zitto. Richie McCaw, capitano degli All Blacks, a distanza di 40 giorni ammette di esser rimasto stupito che Aurelien Rougerie non sia stato citato per eye gouging.

Il giocatore francese ha colpito negli occhi Richie McCaw negli ultimi minuti della finalissima vinta di misura dalla Nuova Zelanda contro la Francia. Un finale incandescente, cattivo, dove i transalpini hanno sognato di fare il colpaccio cui nessuno li credeva capaci.


Un finale, però, macchiato da quel dito che va a cercare gli occhi del capitano All Blacks. In diretta nessuno se ne è accorto, le prime immagini non mostravano nulla e anche i neozelandesi erano rimasti calmi e composti. Poi i primi scatti, con un McCaw dolorante all'occhio e, infine, il video. Ma troppo tardi e il commissioner dell'Irb ha reputato che Aurelien Rougerie non poteva venir punito.


Una decisione cui la Nuova Zelanda ha risposto con pacatezza, tenendo i toni bassi e senza cercare nuove polemiche. Fino a ieri, quando Richie McCaw ha - finalmente - raccontato la sua verità. "I francesi sono ancora più cattivi quando sono spaventati. E quella sera, in quei momenti, erano peggio che mai e puntavano decisi agli occhi - l'accusa pesante di McCaw -. Il mio occhio mi ha fatto male per un po' e ho faticato a vedere a lungo. Sono rimasto sorpreso che non sia stato citato"


SONDAGGIO: VOTATE IL MIGLIOR AZZURRO DEL 2011!


  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: