Haka&Polemiche - Francia multata, ma gli All Blacks non ci stanno

haka_multa_francia.jpgDuemilacinquecento sterline di multa, circa 3.000 euro. Costa caro alla Francia l'aver sfidato gli All Blacks durante la Kapa O Pango, schierandosi in formazione a V e superando la metà campo. Una multa per aver infranto il regolamento Irb riguardo la haka. Una multa che non va giù... agli All Blacks.

Proprio a un anno dall'inizio della Rugby World Cup l'International Rugby Board aveva deciso un "giro di vite" su come le avversarie affrontavano la haka e le altre danze tradizionali precedenti un match di rugby. La regola, che come detto vale per tutte le danze tradizionali, impone agli avversari di non avvicinarsi oltre i 10 metri dalla linea di metà campo.
In passato già le ragazze australiane vennero multato per aver sfidato le Black Ferns, così come si ricorda benissimo come l'Italia di Pierre Berbizier ignorò la haka, o come proprio la Francia arrivò a un metro dagli All Blacks. O Tonga, che iniziò la Sipi Tau mentre la Nuova Zelanda non aveva ancora finito la propria haka. Tutti atteggiamenti che l'Irb non vuole più accettare e per i quali ora sono previste multe salate.
Ma c'è chi non ci sta, chi ritiene la multa ai francesi assurda ed esagerata. A "protestare" è Darren Shand, manager proprio degli All Blacks. "Sono venuti per giocarsela ed è stato grandioso - ha dichiarato il neozelandese -. Questo è il confronto tra culture, ci si sfida e poi si inizia con le cose serie. Il rugby". A gettare acqua sul fuoco anche il capitano francese Thierry Dusautoir, che così racconta quei momenti "A un certo punto eravamo così vicini a loro che i miei compagni volevano baciare i neozelandese. Ma ho detto loro di non esagerare". Della serie, parrucconi dell'Irb, ma fatevela una risata!



SONDAGGIO: VOTATE IL MIGLIOR AZZURRO DEL 2011!


  • shares
  • Mail
48 commenti Aggiorna
Ordina: